Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Notte nazionale del Liceo Classico, Manfredonia c’è

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
13 Gennaio 2020
Manfredonia // Scuola e Giovani //

La Notte Nazionale del Liceo Classico si inserisce in un progetto di portata nazionale che coinvolge più di 400 Licei classici del Paese e che si propone come obiettivo quello di contribuire ad alimentare e sostenere un filone di studi che rappresentano le radici del nostro pensiero occidentale. Tutti i Licei Classici aderenti apriranno le loro porte e si faranno promotori di una serie di eventi culturali realizzati dai loro studenti e dai loro professori. L’organizzazione è libera e ha carattere di autonomia: si potranno mettere in atto letture pubbliche, recitazioni, concerti, brevi rappresentazioni teatrali, degustazioni a tema, proiezioni di corti e dibattiti, mostre fotografiche e artistiche, coreografie, allestimenti di varia natura. Una festa per alunni ed ex alunni, famiglie, per la comunità. Per chi vuole conoscere la grande bellezza della cultura classica, dei miti, della letteratura.

Il Liceo Classico “Aldo Moro” ha aderito anche quest’anno alla VI edizione della Notte Nazionale del Liceo Classico, un’iniziativa lanciata e promossa dal prof. Rocco Schembra del Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale insieme all’Associazione Italiana di Cultura Classica, col sostegno del MIUR, di Rai Cultura e Rai Scuola, “per sfatare alcuni luoghi comuni, sul classico – come dice il Dirigente Scolastico, prof. Leonardo Aucello -, per far capire che il liceo classico può essere – per tutti, non per pochi eletti – una grande esperienza di vita, che può far nascere nei ragazzi passioni, curiosità, creatività insospettate. La formula regge ancora. E forse oggi ce n’è più bisogno“.Conoscere la propria cultura per amarla, rispettarla, difenderla è importante, soprattutto in un mondo multiculturale, – riferisce la prof.ssa Rossella Angelillis, referente del progetto per la Rete Nazionale – e l’idea che sia qualcosa di elitario è profondamente sbagliata. Il mondo greco e romano hanno sempre avuto una cultura popolare. La proposta dei licei classici è alta ma non ingessata, è realizzata con una didattica attiva: la creatività, l’entusiasmo, danno ai ragazzi una marcia in più per il loro futuro lavorativo. Speriamo che questa festa contribuisca a farlo capire.”

“Tutto accade in una Notte”, il tema scelto per questa edizione dal team di docenti che collaborano alla buona riuscita della manifestazione, tra cui i proff. R. Angelillis, Matilde Lauriola, Mattia Zerulo, Dina Armillotta, Michele Illiceto, Claudio Armenise e Arcangela Bisceglia, che in qualità di referente per l’orientamento, si occuperà in particolare delle relazioni con i genitori e gli alunni delle scuole medie per far conoscere la scuola e condividere con gli studenti un momento di intrattenimento e di informazione, cui seguirà una breve pausa conviviale.

I temi sono sempre nuovi e affascinanti, attraverso performance teatrali, musicali e coreutiche ispirate al mondo dei classici che continuano a vivere attraverso il sogno e l’impegno instancabile di alunni e docenti. Quest’anno la “notte” sarà coniugata in tutte le sue declinazioni possibili, nell’arte, nella poesia epica, nel teatro, nella musica, nella poesia e nella filosofia.

MANIFESTO LA NOTTE DEI LICEI
MANIFESTO LA NOTTE DEI LICEI

La scelta di un tema trasversale sorge dal fascino di una entità che già Esiodo nel VII sec.a.C., nel poema della Teogonia, poneva in relazione con l’oscurità e con il grembo della madre protettrice, la grande dea Nyx che indossa un abito nero trapuntato di stelle, anche in Eschilo la Luna viene paragonata all’ “occhio della nera notte”. Dalla notte classica, contemplata nella bellezza del silenzio e dell’immobilità, come nei paesaggi di Alcmane,  uno dei primi notturni della letteratura occidentale, o nelle notti di tormento della poetessa Saffo o della regina Didone in Virgilio, che veglia da sola in preda alle smanie d’amore, si passa alle notti dei più grandi artisti della civiltà, dagli Egizi sino a Hopper, passando per van Gogh e Munch o altri meno noti ma ugualmente significativi. Quadri di straordinario potere evocativo e suggestivo, ove ritorna protagonista spesso la luna, come riferimento etico ed estetico, contrapposto nella sua bellezza alla condizione umana. Come sempre, nell’arte come nella poesia e nel teatro le personalità più sensibili e profonde hanno trovato la massima espressione di sé nel tema della notte. Infine saeà messa in scena la commedia brillante e romantica di William Shakespeare, “Molto rumore per nulla“, in collaborazione con la regista mariangela Conte della compagnia Teatro della Polvere di Foggia. “Cantami, o Diva, gli infiniti lutti” sarà una proposta innovativa di storytelling della notte di Troia, l’ncendio della città simbolo della guerra in tutta la letteratura occidentale, la sua distruzione vissuta attraverso le parole e gli animi degli assediati e degli assedianti, a riflettere sul comune destino di vincitori e vinti, sulla futilità della guerra per eccellenza e di tutte le guerre che insanguinano il nostrio mondo.

 

Dalle 18 a mezzanotte il Liceo classico ritrova nuova linfa e si apre alle famiglie, agli alunni delle terze medie, agli ex studenti, alla cittadinanza, agli amanti della cultura e della bellezza.

3 commenti su "Notte nazionale del Liceo Classico, Manfredonia c’è"

  1. Ah, perché esiste ancora il Classico a Manfredonia?
    Quei quattro gatti che a stento formano due sezioni? 🤣🤣🤣

  2. Solo un nano ottomano (per giunta koksal babà) non può che salire sulle spalle dei giganti per guardare un po’ più su…..qui è facile comentare, altro è studiare e andare al liceo. Che poi Classico e Scientifico sono tutt’uno già da parecchi anni, altro che quattro gatti….sono i migliori!

  3. @Pietro: Eccolo là, hai abboccato al mio amo come il boccalone che sei! 🤣🤣🤣
    Tocca il Classico e lo Scientifico e subito gli studenti di questi due licei ti attaccano come dei cani rabbiosi con i loro luoghi comuni e false credenze superate! 😂😂😂
    Iet’vinn’, iet’, che il polo Linguistico-Scienze Umane-Artistico “A.G. Roncalli” è la scuola migliore di Manfredonia, sia perché più completa (al terzo superiore del Linguistico si fa la matematica che allo Scientifico si fa normalmente al quinto, giusto per dirne una), sia perché più difficile, con meriti giustamente ricompensati, non come allo Scientifico, dove il 6 vale 10, ma va va 😆

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.