Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Recital Cantango Armiliato “infiamma” Musica Civica

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
13 Gennaio 2020
Foggia // Spettacoli //

Lo scorso 12 gennaio in una domenica fredda, invernale e piovosa di inizio anno, a riscaldare gli animi dei foggiani il concerto inaugurale della undicesima edizione della kermesse Musica Civica, il primo di otto concerti fino ad aprile, dedicato al tango e all’opera dal titolo emblematico di “Recital Cantango”. Musica Civica con la presidenza del celebre violinista di fama internazionale foggiano Dino De Palma e la direzione artistica del direttore d’orchestra Gianna Fratta si avvale di partner istituzionali quali Unione Europea, Regione Puglia nel nome dell’assessore all’industria turistica e culturale Loredana Capone, il comune di Foggia nel nome del sindaco Franco Landella e dell’assessore alla cultura con Anna Paola Giuliani e Carlo Di Cesare, DAMA il progetto regionale di Daunia, Arte, Musica e Anima, la Fondazione Monti Uniti del presidente Aldo Ligustro, la Fondazione Apulia Felix rappresentata da Giuliano Volpe, il Gruppo Salatto di Potito Salatto, il gruppo Capobianco di Vincenzo Capobianco e figli, Banca Mediolanum con il responsabile Luigi Fantetti e Antonio Salandra di Fortore Energia.

Il primo degli otto concerti ha visto protagonista indiscusso il genere del “Tango”, patrimonio culturale dell’Unesco, “bene culturale immateriale”, come il protagonista dello spettacolo il tenore di fama internazionale Fabio Armiliato, il quale dopo oltre trent’anni torna sul palco del Giordano:

“La mia carriera inizia nel lontano 1984 quale Dottor Cajus nel Falstaff di Verdi, nel 1988 interpreto Giannetto Malespini ne La Cena delle Beffe di Umberto Giordano al teatro Umberto Giordano di Foggia, in cd per la casa discografica Bongiovanni di Bologna, tornare dopo oltre trent’anni nella città di Giordano, compositore che io adoro, è un’emozione grandissima”.

Armiliato ha cantato in tutti i più grandi teatri del mondo dal Carlo Felice di Genova, all’Arena di Verona, al Covent Garden di Londra, all’Opéra di Parigi, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York, ha interpretato i ruoli più significativi del repertorio del tenore lirico spinto da: Radames a Don José, da Calaf a Des Grieux, da Riccardo a Pinkerton, da Cavaradossi a Loris Ipanof a Andrea Chénier, considerato dalla critica ufficiale: “il migliore Chénier dei tempi moderni”,

“per me è un grande onore essere stato considerato il migliore Chénier dei tempi moderni dalla voce autorevole del musicologo Giancarlo Landini, è una tra le mie opere preferite, quando mi sento triste ascolto Come un bel dì di maggio cantato da Beniamino Gigli, celebrante il bello nel canto. L’opera non morirà mai, ha quasi cinque secoli di vita, è necessario un profondo rispetto” – afferma Armiliato.

Il concerto sui generis dal titolo emblematico di Recital Cantango è un omaggio ai grandi Tito Schipa e Carlos Gardel, all’Argentina, alla città di Buenos Aires in particolare, brani intramontabili, aspaziali, atemporali da Mi Buenos Aires Querido a Volver, da El Gaucho a Silencio, al capolavoro di El dia que me quieras cantata in duetto con il soprano Chiara Giudice, dotata di voce calda e piena, con lo sfondo dei professionisti di Tango-Teatro: Los Guardiola, Fabrizio Mocata al pianoforte e agli arrangiamenti, Simone Tolomeo al bandoneon, Fabian Bertero al violino, Alessio Menegolli al contrabbasso.

Un’ora e mezzo di spettacolo accattivante, coinvolgente, ben realizzato, infiammante per il pubblico presente in sala apprezzante a suon di applausi e richiesta di bis, un concerto interamente dedicato al tango non poteva non concludersi con un omaggio al grande Astor Piazzola con la celebre Vuelvo al Sud, “io da genovese, da uomo del Nord sono profondamente innamorato del Sud e della Puglia in particolare”, conclude Armiliato nel clamore del pubblico foggiano.

Il prossimo appuntamento è per domenica 19 alle ore 18.00 con Ezio De Muro, Veronica Granatiero e Angelo Nasuto in una conversazione-concerto sulla Caduta del Muro di Berlino.

A cura di Alessio Walter De Palma

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.