Edizione n° 5262
/ Edizione n° 5262

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PREVISIONI Meteo Puglia, ancora piovaschi e vento teso: poi arriva il caldo fuori stagione

E' l'effetto dell'anticiclone sull'inverno che non sembra essere mai veramente decollato

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
13 Febbraio 2024
Gargano // Manfredonia //

FOGGIA – Tornano sole e clima mite sull’Italia dopo una parentesi di maltempo con pioggia, vento ma anche neve.

E’ l’effetto dell’anticiclone sull’inverno – che non sembra essere mai veramente decollato – e che porterà nei prossimi giorni temperature sopra la media (anche oltre i 20 gradi), almeno secondo le proiezioni.

Queste le previsioni meteo degli esperti per la giornata di oggi, 13 febbraio 2024.

Rimonta l’alta pressione, cosa dicono gli esperti meteo

Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, conferma quindi la rimonta dell’alta pressione, ancora una volta prepotente e decisa dal nordafrica: fossimo stati in Estate saremmo arrivati a 40 gradi, in pieno inverno raggiungeremo nuovamente i 22-23 gradi che comunque non sono pochi per febbraio.

L’inverno non vuole arrivare: anche le proiezioni sub stagionali (a lunga scadenza, fino a 42 giorni) indicano per le prossime 6 settimane temperature diffusamente sopra la media del periodo, non solo in Italia ma su gran parte dell’Europa: solamente tra Norvegia, Svezia e Finlandia l’inverno potrebbe essere più freddo del normale addirittura fino alla fine di marzo, stando alle proiezioni del modello meteo del prestigioso centro di calcolo ECMWF (Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine).

Un 2024 che continua dunque ad essere mite ed anomalo, complice la presenza del fenomeno de El Nino con le acque del Pacifico orientale decisamente più calde del normale ed in grado di influenzare il clima anche a livello mondiale: stando alle ultime proiezioni le acque del Pacifico orientale resteranno molto calde fino all’Estate promettendo stagioni ancora una volta sopra le medie climatiche, medie che ormai vengono regolarmente stracciate da decenni con il Cambiamento Climatico legato all’effetto serra di origine antropica.

Insomma l’uomo, con l’utilizzo dei combustibili fossili, dal 1850 in poi ha stravolto il clima e oggi ne vediamo le conseguenze anche in Italia: si registrano stagioni invernali con neve quasi assente in Pianura Padana e solo timide gelate, al Centro-Sud sono quasi scomparse le gelate in pianura di una volta mentre un manto nevoso minimo è osservabile solo sulle cime più alte degli Appennini.

Anche questa ennesima scaldata nordafricana in arrivo sarà legata alla nuova circolazione atmosferica causata dai cambiamenti climatici: il famoso ‘Cammello’, l’anticiclone africano rimasto oggetto misterioso fino al 1990, tornerà a farci visita con una frequenza che negli ultimi 30 anni è diventata anomala e fuori da ogni andamento climatologico.

Insomma per vivere l’inverno vero e proprio dovremo trasferirci a Stoccolma; per gli amanti della primavera invece potremo restare anche a Milano senza andare ai Caraibi: le massime saliranno fino a 15-16 gradi, valori che normalmente sotto le guglie del Duomo si registrano solo a fine marzo – inizio aprile.

Ph. Gabriella Pullano

Per trovare qualche connotato instabile avremo ancora qualche ora tra oggi e domani quando sono previsti dei rovesci sul Medio Adriatico in spostamento verso il Sud e un’intensificazione del Maestrale tra Sardegna e regioni meridionali.

Per San Valentino ovunque clima mite e soleggiato, salvo tra Puglia e Calabria ionica dove il vento sarà ancora intenso, tagliente e a tratti freddo.

Ma, come detto, ci penserà l’anticiclone nordafricano ad uccidere nuovamente l’inverno, prolungando un autunno che dura da 4 mesi (novembre, dicembre, gennaio e febbraio) dopo un’estate senza fine (settembre ed ottobre furono mesi di piena estate con un caldo eccezionale): questo è il nuovo calendario delle stagioni stravolte dal Riscaldamento Globale.

Le previsioni nel dettaglio

Martedì 13. Al nord: soleggiato con clima mite. Al centro: soleggiato salvo qualche piovasco sulle adriatiche specie al mattino. Al sud: un po’ instabile specie nel pomeriggio con piovaschi e vento teso.

Mercoledì 14. Al nord: tutto sole e clima gradevole salvo nebbie al Nordest. Al centro: cielo sereno o poco nuvoloso con clima mite. Al sud: bel tempo, a tratti ancora ventoso.

Giovedì 15. Al nord: tutto sole e clima gradevole. Al centro: soleggiato con massime oltre le medie del periodo. Al sud: bel tempo e mite con massime fino a 23 gradi.

Tendenza: tempo stabile e senza piogge fino a venerdì, poi qualche incertezza meteo in più.

Fonti verificate: ADNKRONOS //

Lascia un commento

“Comincia a vivere subito e considera ogni giorno come una vita a sé”. (Lucio Anneo Seneca)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.