Edizione n° 5345

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

"VENDETTA" Bari, indagate le due vigilesse che chiesero aiuto al clan: rischiano il licenziamento

Le agenti chiesero al braccio destro di Tommy Parisi di "vendicare" le offese ricevute da un uomo che avevano multato

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
13 Marzo 2024
Bari // Cronaca //

BARI – Sono indagate per omessa denuncia le due agenti di Polizia municipale del Comune di Bari che nel 2017 si sono rivolte a un presunto appartenente del clan Parisi per far valere le loro ragioni nei confronti di un automobilista che le avrebbe insultate.

La circostanza emerge dalle oltre 30mila pagine di atti depositate dalla Dda di Bari a supporto delle misure cautelari nei confronti delle due associazioni mafiose (Parisi-Palermiti) egemoni nel quartiere Japigia: dalla guerra interna, al traffico di armi e stupefacenti, alla gestione dei giochi illegali fino all’aspetto più scivoloso: i rapporti con la politica.

Le due donne, R. B., 55 anni, di Triggiano, e A, L., 59 anni, di Bari, sono state sospese dal servizio all’indomani della pubblicazione delle intercettazioni con F. F., 41 anni, presunto sodale dei Parisi finito in carcere con le accuse di associazione a delinquere finalizzata a reati in materia di armi e alla raccolta clandestina delle scommesse, con l’aggravante di aver favorito una consorteria mafiosa.

Di resistenza a pubblico ufficiale sono accusati invece sia l’umo che avrebbe minacciato le vigilesse dopo essere passato con il rosso, sia Michele Parisi, fratello del capoclan Savinuccio, che dopo essere stato multato dalle due agenti per aver lasciato l’auto in doppia fila fuori da un bar le ha apostrofate con un eloquente «poi ti devo venire a prendere»: l’accusa è infatti aggravata dall’uso dell’intimidazione mafiosa.

Nei confronti delle due agenti è pendente il procedimento disciplinare che potrebbe concludersi anche con il licenziamento.

Fonti verificate: lagazzettadelmezzogiorno.it //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.