Edizione n° 5342

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INTERROGATORIO “Giu le mani”. Interrogato Michele Romito. “Ha risposto a tutte le domande, chiarirà quanto avvenuto”

L'interrogatorio è iniziato alle ore 11 per terminare verso le ore 16.45

AUTORE:
Giuseppe de Filippo
PUBBLICATO IL:
13 Marzo 2024
Cronaca // Manfredonia //

Foggia – Manfredonia. Alla presenza dei due P.M. del Tribunale di Foggia, Galli e Mongelli, del Gip dott.ssa Odette Eronia, e dei rispettivi legali, avvocati Pietro Schiavone e Francesco Santangelo, ha risposto a tutte le domande rivoltegli stamani a Foggia durante l’interrogatorio di garanzia in carcere Michele Antonio Romito, classe 1963, destinatario di una misura cautelare nell’ambito dell’operazione “Giù le mani”.

Come risaputo, “7 le misure cautelari eseguite il 9 marzo 2024 dai finanzieri della Compagnia di Manfredonia a carico di altrettanti indagati, tra cui alcuni funzionari pubblici in servizio attualmente o in passato presso il Comune sipontino e una società partecipata, per le ipotesi di reato di estorsione, concussione e corruzione, peculato, falso, lesioni personali, minacce e violenza privata”.

L’interrogatorio è iniziato alle ore 11 per terminare verso le ore 16.45.

Il citato Romito ha fornito la propria versione dei fatti, relativamente al contenuto delle accuse e ai reati ipotizzati nell’ordinanza.

I difensori valutano una possibile richiesta per la sostituzione dell’attuale misura di custodia cautelare in carcere con un’altra meno afflittiva.

“Terremoto giudiziario” a Manfredonia.Terzo filone: il ristorante e il contrasto alla rimozione (foto – video) DAL VIDEO

 

FOCUS

Si fa riferimento al terzo filone dell’operazione, relativa alla vicenda del ristorante manfredoniano ad insegna “Guarda che Luna”, riconducibile al citato Michele Antonio Romito, e alle azioni finalizzate a contrastare la sua rimozione.

Per l’accusa, con presunte minacce implicite ed esplicite fondate anche sulla propria fama criminale personale e familiare, l’indagato,  amministratore di fatto del citato ristorante, avrebbe esercitato pressioni sulla struttura amministrativa e sull’apparato politico del Comune di Manfredonia per evitare lo smontaggio del manufatto abusivo.

Tutto questo sarebbe avvenuto con la collaborazione attiva dell’ex assessore del Comune di Manfredonia (il citato Salvemini Angelo, per il quale è stata disposta la misura cautelare degli arresti domiciliari) che, in virtù del suo ruolo, avrebbe carpito informazioni all’interno del Comune riferendole al primo e concordando insieme tutte le iniziative da adottare.

Le presunte minacce del citato Romito (come riportate da uno stralcio delle intercettazioni ad inizio dell’articolo) sarebbero state indirizzate anche nei confronti di funzionari, tecnici comunali ed esponenti politici. Tali pressioni – continuano ad evidenziare gli inquirenti – sarebbero state esercitate anche avvicinando, per il tramite del suddetto ex assessore, altri esponenti politici della maggioranza per indurli a mutare orientamento sulle posizioni assunte.

Stamani si è svolto anche un altro interrogatorio di garanzia in carcere a Foggia a carico di Michele Fatone, altro destinatario della misura cautelare dell’operazione in oggetto, domani previsti gli altri interrogatori a carico dei restanti indagati.

(forum non disponibile su richiesta della parte)

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.