BAT

Aqp, Forte: dimissioni Maselli gettano incertezza su futuro


Di:

Gianni Forte (Cgil, Foggia)

Gianni Forte (Cgil, Foggia)

BARI – “Le dimissioni da amministratore unico di Aqp presentate dall’ingegner Gioacchino Maselli destano in noi gravi preoccupazioni per il futuro dell’ente pubblico. La personalità di Maselli, unanimemente riconosciuto per la sua competenza tecnica e la sua caratteristica di servitore della cosa pubblica e le modalità che ne hanno determinato il gesto richiamano tutti a un supplemento di riflessione”. Così il segretario generale Cgil Puglia, Giovanni Forte.

“L’Aqp – spiega Forte – in pochi mesi della gestione Maselli ha prodotto una straordinaria azione di trasparenza, ha sbloccato opere rimaste impantanate per anni, per oltre 300 milioni di euro, ha dato risposte concrete all’annoso problema della depurazione e un forte impulso alle azioni di riduzione delle perdite della rete, ha avviato infine un profondo rinnovamento della struttura.”

“Oggi, alla vigilia della programmazione 2014-2020, che ha nell’ambiente, per la parte inerente l’uso delle risorse idriche, la depurazione, l’uso dell’acqua affinata per fini irrigui un asse fondamentale, le dimissioni di Maselli, se confermate – conclude – getterebbero il più grande ente pubblico della regione nell’incertezza privandolo dell’autorevolezza e delle capacità che il manager pubblico ha sempre dimostrato di possedere e ciò nel momento in cui più forte è l’esigenza di una guida sicura”.

Redazione Stato

 

 

 

, destano in noi gravi preoccupazioni per il futuro dell’ente pubblico. La personalità di Maselli, unanimemente riconosciuto per la sua competenza tecnica e la sua caratteristica di servitore della cosa pubblica e le modalità che ne hanno determinato il gesto richiamano tutti a un supplemento di riflessione”. Così il segretario generale Cgil Puglia, Giovanni Forte.

“L’Aqp – spiega Forte – in pochi mesi della gestione Maselli ha prodotto una straordinaria azione di trasparenza, ha sbloccato opere rimaste impantanate per anni, per oltre 300 milioni di euro, ha dato risposte concrete all’annoso problema della depurazione e un forte impulso alle azioni di riduzione delle perdite della rete, ha avviato infine un profondo rinnovamento della struttura.”

“Oggi, alla vigilia della programmazione 2014-2020, che ha nell’ambiente, per la parte inerente l’uso delle risorse idriche, la depurazione, l’uso dell’acqua affinata per fini irrigui un asse fondamentale, le dimissioni di Maselli, se confermate – conclude – getterebbero il più grande ente pubblico della regione nell’incertezza privandolo dell’autorevolezza e delle capacità che il manager pubblico ha sempre dimostrato di possedere e ciò nel momento in cui più forte è l’esigenza di una guida sicura”.

Aqp, Forte: dimissioni Maselli gettano incertezza su futuro ultima modifica: 2013-06-13T18:01:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This