Politica

Crisi, Vendola a Letta: lo sviluppo non è un esercizio retorico


Di:

Il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola oggi in visita in Capitanata e nel Gargano (Ph@lapresse)

Milano – “Ho l’impressione che il Governo stia sottovalutando questa partita, rivolgerò un appello al premier Letta perché faccia in modo che il tema dello ‘Sviluppo’ in Europa non sia solo un esercizio retorico. La questione ‘Aiuti alle Imprese’ deve essere posta al centro delle azioni comuni a sostegno delle aree deboli del paese”.  Lo afferma il Presidente Vendola al Forum del Legno Arredo a Milano, parlando delle criticità in tema di crescita del sistema economico, in particolare Regolamento comunitario degli aiuti a finalità regionale.

La bozza del nuovo regolamento comunitario – oggi in discussione con gli Stati membri – prevede l’obbligo di notificare direttamente a Bruxelles gli aiuti che comportino, ogni anno a livello nazionale, spese superiori ai 100 milioni di euro, prevedendo procedure e tempi decisamente non allineati alle esigenze di concretezza e rapidità delle imprese italiane.

Inoltre la proposta prevede il ridimensionamento degli aiuti a sostegno delle grandi imprese.
Se confermato, il nuovo Regolamento potrebbe comportare gravi appesantimenti burocratico-amministrativi a carico delle imprese beneficiarie degli aiuti europei, con conseguenze negative anche in termini di maggiori conflitti tra i diversi territori del Paese che configgerebbero tra loro nella corsa ad evitare la notifica dei singoli strumenti di incentivazione.

Vendola ha anche parlato dell’altra criticità del sistema, quella del patto di stabilità. “L’evoluzione sempre più drammatica dei limiti del Patto interno di stabilità – ha detto Vendola – limita sempre più drasticamente la possibilità di promuovere investimenti pubblici ed aiuti diretti alle imprese.”

“Tutto questo in una fase, come l’attuale, in cui viceversa diviene più strategico, in funzione anticiclica, il ruolo della domanda pubblica a favore del sistema imprenditoriale nazionale, sia direttamente attraverso gli incentivi, sia indirettamente attraverso la qualificazione del patrimonio infrastrutturale per lo sviluppo e la competitività. Le regole del Patto oggi, – ha aggiunto Vendola – anziché contribuire a contrastare gli effetti della crisi, diventano esse stesse causa di ulteriore aggravamento, limitando la possibilità di promuovere spesa per investimenti in quelle Regioni che non hanno problemi di cassa e di liquidità”

Redazione Stato

Crisi, Vendola a Letta: lo sviluppo non è un esercizio retorico ultima modifica: 2013-06-13T17:01:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This