Manfredonia

Eolico offshore nel Golfo, Mare Nostrum: adesioni per bocciarlo


Di:

Progetto, distanza costa (statoquotidiano@)

IL Comitato ”Mare Nostrum” del Gargano a difesa dei diritti dei garganici e dei foggiani, a tutela del proprio paesaggio, invita la cittadinanza a prendere parte attiva nell’iter di approvazione del “Parco Eolico Marino Gargano Sud”, progetto già bocciato dalla Regione Puglia.

Ancora una volta le scelte passano sulla testa dei cittadini, in barba a ogni principio democratico di trasparenza e partecipazione, senza coinvolgerli in questioni di portata rilevante. Dopo la svendita dell’ampio territorio di Manfredonia Sud, col pretesto di una reindustrializzazione che si è rivelata “fallace”, l’ultima area disponibile, per possibili speculazioni, è rimasta quella marina. E così la società “Parco Eolico Marino Gargano Sud” è pronta ad installare un parco eolico off shore nel Golfo di Manfredonia: 85 pale eoliche, alte 100 metri, a poche miglia dalla costa che, grazie agli incentivi statali, dovrebbero produrre ricavi per circa 2,6 miliardi di euro nell’arco di 25 anni, tutti praticamente a vantaggio della impresa privata.

“Facciamo finta che la questione ambientale non esista e che un golfo, già pesantemente compromesso da insediamenti chimici ed industriali possa sostenere anche l’impatto di questo parco eolico off shore – dichiarano Dino Vigoli e Valentino Palumbo, del Comitato Cittadino “Mare Nostrum” – Ma analizzando la questione dal punto di vista squisitamente economico, il responso non cambia: i cittadini garganici e foggiani percepiranno un ritorno appena marginale e per un periodo limitato nel tempo, di appena 8 mesi. Non risultano, infatti, royalties o benefici di altra natura per gli abitanti e per la marineria, a seguito di possibili danni da simili installazioni”.

E dopo il parere sfavorevole espresso dalla Regione Puglia sull’intervento, trattandosi di parco eolico off shore, la società aspetta di ottenere la VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) dal Ministero dell’Ambiente. La parola, intanto, passa alle forze sociali, alle associazioni culturali e di categoria che si sono unite nel Comitato Cittadino “Mare Nostrum” anche attraverso la richiesta di un possibile referendum consultivo tra gli abitanti, perché a loro deve essere riconosciuto quel sacrosanto “diritto” di decidere le sorti del proprio territorio sia nella gestione del presente che del futuro.

“Quegli stessi cittadini sinora ignorati e non coinvolti dalle Istituzioni – dichiarano i deputati del MoVimento 5 Stelle Giuseppe L’Abbate e Francesco Cariello – hanno ora la possibilità di far sentire la propria voce. A maggior ragione, vedendo le numerose perplessità fatte emergere dalla Regione Puglia sul parco eolico. Invitiamo, dunque, tutti i cittadini a fare fronte comune ed a far sentire la propria voce inviando una mail, entro il termine ultimo del 25 giugno prossimo, al dgsalvaguardia.ambientale@pec.miniambiente.it. Noi promettiamo sin da ora di non lasciarli soli e di portare le loro istanze in Parlamento”.

Il comitato “Mare Nostrum” vi invita sabato 15/06/2013 a partecipare al banchetto informativo in piazza del popolo a Manfredonia.

(A cura referenti “Mare Nostrum” del Gargano)

Eolico offshore nel Golfo, Mare Nostrum: adesioni per bocciarlo ultima modifica: 2013-06-13T21:18:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • giovanpietro

    Ed i nostri grandi politici che cazzo fanno in parlamento?Schiacciano solo i bottoni o valgono qualcosa….solo per loro?Prima che sia troppo tardi,bisogna farsi sentire subito e senza se e senza ma!Bisogna iniziare a bloccare lla Ferrovia,a Foggia e le strade,come primo atto!Poi a Dio piacendo,si vedrà per il resto!La Democrazia,i nostri politici,la intendono:Ci avete eletto?Allora possiamo farci i cazzi nostri!Chissà che maxi tangente avranno avuto coloro che hanno approvato il famigerato progetto!Si sà che in Italietta,e nel sud in particolare ,le cose vanno così,e se le cose non cambiano,sarà la rovina ,definitiva,delle generazioni future!Hanno tentato con l’ANIC-ENICHEM,e non ci sono riusciti in pieno!Volevano la Centrale Termoelettrica..e non ci sono riusciti!Ci riusciranno col Pa(o)rco Eolico?Speriamo di no!


  • Corto Maltese

    Condivido pienamente il post di sopra!


  • Si! Energia Pulita

    Corto Maltese, prima di esprimerti dichiara il tuo stato occupazionale.
    Lascia ai giovani disoccupati scegliere il loro futuro e ai pensionati di scegliere se avere un bel panorama o ridurre la pressione dalle imposte Comunali.


  • Corto Maltese

    @Si! Energia Pulita: proprio su questo giornale ho letto più volte che a seguito dell’istallazione del parco eolico i manfredoniani non avranno alcun beneficio, ne economico ( lavarativo/royalities) e ne riduzione dell’imposte o delle bollette per l’energia. se sai qualcosa di diverso, ti prego di divulgarlo a tutti!


  • dino1969

    .
    .
    .
    ci fa piacere sapere a noi tutti quali solo i benefici, a parte l’assemblaggio delle pale,otto mesi di lavoro.
    E’ previsto un agio nelle casse comunali?Se si, Quale percentuale?


  • giiuanumunicip

    Qualcuno interessato alla tematica può prendere visione di un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore del 10/6/2013 circa la VAS. Lo stesso articolo riporta i riferimenti della normativa europea (direttiva n. 2001/42/Ce, nazionale (D. l.vo n. 152/2006) e regionale (Dgr 13/6/2008 n. 981, Dgr n. 28/12/2009 n. 2614 e Legge Regionale n. 44 del 14/12/2012)…. tutti provvedimenti normativi posti a salvaguardia dell’ambiente….!!!!


  • Michael Pichler

    Sono sicuro è un buon progetto.
    Nuova energia per Italia.


  • aummaumma

    perchè nn ci facciamo un altro porto in quest’area o le isole artificiali come a Dubai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This