Edizione n° 5402

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

GRUPPI MAFIOSI “Mafia-style violence is on the rise in the same Italian region where G7 leaders are set to meet”. L’articolo della CNN

"I gruppi mafiosi italiani sono noti per infiltrarsi in progetti legittimi, inclusi i progetti di costruzione"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
13 Giugno 2024
Cronaca // Gargano //

Roma CNN. Secondo il rapporto semestrale del Ministero dell’Interno italiano rilasciato a gennaio 2024, i gruppi stavano mostrando segni preoccupanti di problemi.

All’incirca nello stesso periodo in cui la Prima Ministra italiana Giorgia Meloni annunciava che il vertice dei leader del G7 si sarebbe tenuto nella regione meridionale italiana della Puglia come parte della presidenza italiana dell’organizzazione economica, gli investigatori locali anti-mafia si stavano concentrando su tre gruppi criminali di tipo mafioso sospettati di essere dietro a un aumento della violenza nella zona.

La prevalenza della criminalità registrata “riflette il dinamismo degli equilibri e delle strutture criminali caratterizzate non solo da conflitti tra clan opposti ma anche da frizioni interne ai clan”, ha affermato il rapporto.

I gruppi sono ramificazioni del sindacato criminale Sacra Corona, centrato intorno alla città di Foggia e composto da famiglie criminali che si raggruppano in clan.

A differenza delle più note Cosa Nostra in Sicilia, Camorra a Napoli e ‘Ndrangheta in Calabria, che hanno un ampio impatto internazionale, i gruppi pugliesi operano principalmente all’interno dell’Italia e dei Balcani, secondo DIGOS (Divisione Investigazioni Generali e Operazioni Speciali), l’unità anti-terrorismo e anti-mafia più importante d’Italia.

Con base nelle città costiere di Bari e Brindisi – esattamente dove i leader più potenti del mondo si incontreranno tra il 13 e il 15 giugno – i gruppi avevano eliminato avversari in attacchi in pieno giorno e condotto rapine a mano armata ad un ritmo allarmante.

Il paese di Fasano e la campagna circostante, vicino al lussuoso resort di Borgo Egnazia, sede del vertice del G7, il 4 giugno 2024. Il paese di Fasano e la campagna circostante, vicino al lussuoso resort di Borgo Egnazia, sede del vertice del G7, il 4 giugno 2024. Francesca Volpi/Bloomberg/Getty Images Secondo i rapporti dei media locali, ci sono stati diversi omicidi di vendetta di alto profilo tra i clan negli ultimi mesi, e vari mutilazioni, tra cui gambizzazioni.

E non è tutto. Una valigetta è stata trovata abbandonata in una stazione ferroviaria vicino a Bari collegata a bottiglie di liquido e a un cellulare a marzo. Da allora, sono state ricevute quasi quotidianamente minacce di bomba.

Ci sono state anche incursioni armate da parte di bande criminali in ville vicine alla sede del vertice – un resort esclusivo tra Bari e Brindisi – e violenza sfacciata tra i tre clan, ha detto alla CNN il capo della polizia locale Vittorio Pisani.

Il Ministero dell’Interno ha suggerito di dispiegare l’esercito per riprendere il controllo della regione “per il bene del paese”. Il rapporto ha portato a un’indagine su diversi consigli comunali locali, tre dei quali sono stati sciolti dal governatore regionale a causa dell’infiltrazione mafiosa e dell’uso dell’estorsione per mantenere il controllo del territorio da parte dei gruppi criminali.

I gruppi mafiosi italiani sono noti per infiltrarsi in progetti legittimi, inclusi i progetti di costruzione, di cui ce ne sono stati molti per preparare le sedi per il prossimo vertice. Lavori stradali, la costruzione di eliporti per permettere ai leader di spostarsi in sicurezza, e persino il centro media sono stati indagati, secondo DIGOS. Un rapporto completo è previsto dopo la conclusione del vertice, ha detto un portavoce di DIGOS alla CNN.

Giorni prima dell’inizio del G7, le autorità locali affrontano una sfida delicata nel cercare di bilanciare la sicurezza dei leader mondiali con il mantenimento dell’ordine pubblico locale, secondo il prefetto di Brindisi, Luigi Carnevale.

“Nessuno poteva prevedere che in vista del G7, programmato dal 13 al 15 giugno, la Puglia, dove si terranno gli incontri tra i leader più potenti del mondo, sarebbe stata colpita da eventi criminali che, sebbene non collegati tra loro, rendono la gestione della sicurezza ancora più complessa,” ha detto in una conferenza stampa televisiva.

Una vista di Borgo Egnazia, in Puglia, dove si terrà il vertice del G7 dal 13 al 15 giugno, scattata il 26 maggio 2014 a Savelletri, Brindisi, Italia. Una vista di Borgo Egnazia, in Puglia, dove si terrà il vertice del G7 dal 13 al 15 giugno, scattata il 26 maggio 2014 a Savelletri, Brindisi, Italia. Donato Fasano/Getty Images La Puglia, nel tacco dello stivale italiano, è nota per i suoi antichi ulivi, le case bianche coniche “trullo” e le spiagge incontaminate. Il vertice si terrà nel lussuoso resort di Borgo Egnazia, un paradiso turistico con 30 ville private dotate di piscine private e servizi come un ristorante con stella Michelin che serve l’élite.

Da David e Victoria Beckham a Madonna e Ivanka Trump, le celebrità vi si recano da anni, grazie alla garanzia di discrezione fornita dal capo del resort Aldo Melpignano, che ha detto alla CNN che la location era ideale per il G7.

“Ospitare il G7 2024 in Puglia rappresenta un riconoscimento straordinario per il nostro territorio, ed è il risultato di una proficua collaborazione tra i settori pubblico e privato,” ha detto.

La macchina della sicurezza che proteggerà i leader mondiali delle economie più avanzate del mondo è ben consolidata e guidata da DIGOS. Da quasi un anno è in corso un lavoro di “pulizia preventiva”, con particolare attenzione a scoraggiare l’istituzione di “possibili cellule dormienti islamiche” monitorando gli arrivi negli aeroporti e nei porti, ha detto il rapporto del Ministero dell’Interno.

Lavoratori al punto di accreditamento dei partecipanti al vertice del G7 a Fasano, Italia, mercoledì 5 giugno 2024. Lavoratori al punto di accreditamento dei partecipanti al vertice del G7 a Fasano, Italia, mercoledì 5 giugno 2024. Francesca Volpi/Bloomberg/Getty Images È stata creata una “zona rossa” di 10 chilometri intorno a Borgo Egnazia, e una ulteriore “zona gialla” di 30 chilometri sarà strettamente pattugliata per proteggere i circa 130 gruppi di lavoro e i 21 incontri ministeriali, per non parlare della sicurezza degli ospiti speciali come Papa Francesco, che parteciperà a un vertice speciale sull’intelligenza artificiale. Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il Re saudita Salman bin Abdulaziz Al-Saud dovrebbero anche unirsi ai leader delle nazioni del G7 – Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Canada e Giappone.

Più di 5.000 soldati appositamente addestrati sono stati dispiegati nella regione, enormi navi da crociera sono ancorate al largo per contribuire a mantenere le delegazioni al sicuro, e una portaerei statunitense dovrebbe arrivare entro il fine settimana e ancorarsi al largo della costa pugliese.

La politica di frontiere aperte di Schengen, che consente alle persone di entrare in Italia da altre nazioni dell’area Schengen, è stata sospesa dal 5 al 18 giugno per consentire agli agenti di controllo delle frontiere di verificare i passaporti. Oltre alle bande criminali locali, le autorità sono preoccupate anche per le orde di manifestanti che si presentano a ogni vertice del G7, e hanno chiesto che le grandi manifestazioni si tengano il più vicino possibile alla sede del vertice. Quando l’Italia ha ospitato quello che allora era il vertice del G8 nel 2001, un manifestante è stato ucciso dalla polizia durante scontri violenti.

Una vista generale di Borgo Egnazia il 22 luglio 2020 a Savelletri, Italia. Una vista generale di Borgo Egnazia il 22 luglio 2020 a Savelletri, Italia. Donato Fasano/Getty Images La polizia militare specializzata che lavora con l’unità di contrasto alla mafia sta tenendo d’occhio i gruppi criminali noti. Quasi 60 persone sono state arrestate il mese scorso in relazione a un’indagine sul traffico di droga, togliendo dalla circolazione alcuni dei presunti capi clan, almeno a breve termine.

“È chiaro che nessuno di questi eventi metterà minimamente a rischio i grandi del mondo, che saranno super protetti e inavvicinabili in quei tre giorni,” ha detto Pisani, il capo della polizia pugliese.

2 commenti su "“Mafia-style violence is on the rise in the same Italian region where G7 leaders are set to meet”. L’articolo della CNN"

  1. Questo tutto grazie all ipocrisia dei nostri politici !!! Il sig la Macchia, sta iniziando con la stessa teoria trascurando i fatti reali del nostro paese .. e comunque sig la macchia prima di parlare di questi fatti collega il cervello alla bocca , e chieda ai colleghi della tua coalizione che hanno subite queste accuse infamanti di “Mafia”…

  2. Tanto ci saranno Giorgiah!!!!1!!!11!!, il cui partito fa affari con le mafie, come rivelato da “Report”, e Papa Ciccillo, col Vatic-Ano che fa altrettanti affari con la malavita organizzata da oltre 50 anni, dunque no problem per i governanti esteri 👍😂🤦‍♂️

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.