Edizione n° 5345

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Inquinamento: 2 milioni di morti l’anno per polveri sottili

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
13 Luglio 2013
Scienza e Tecnologia //

Manifestazione a Taranto contro l'inquinamento ambientale (28.11.09 - antonellos.wordpress.com)
(Adnkronos Salute) – L’uomo si avvelena con le sue stesse mani: 2,1 milioni di persone ogni anno muoiono a causa delle polveri sottili. Industrie, inceneritori, motori a scoppio producono queste particelle (Pm 2,5) che rimangono sospese nell’aria, si accumulano nei polmoni, e causano infiammazioni persistenti, tumori e malattie respiratorie. Sono invece 470 mila i morti a causa dell’aumento dell’ozono, sempre ad opera dell’uomo, ogni anno. A differenza di ciò che si pensava in precedenza, i cambiamenti climatici sembrano impattare in maniera minima sul numero di morti per l’inquinamento. Lo riporta uno studio americano pubblicato su ‘Environmental Research Letters’.

I ricercatori della University of North Carolina, negli Stati Uniti, hanno stimato che, a fronte di dei numeri così elevati, i cambiamenti climatici sono responsabili solo di 1.500 delle morti ‘da ozono’ ogni anno, e di 2.200 di quelle da polveri sottili. Dallo studio si evince dunque che “l’inquinamento dell’aria conta come uno dei più importanti fattori di rischio ambientale per la salute – afferma l’autore della ricerca Jason West – E gli effetti dei cambiamenti climatici del passato, sono solo una piccola componente degli effetti complessivi dell’inquinamento atmosferico”.

Gli scienziati hanno utilizzato un insieme di modelli climatici per simulare le concentrazioni di ozono e di Pm 2,5 nel 2000 e nel 1850. In particolare, 14 modelli per simulare i livelli di ozono, e 6 per i livelli di Pm 2,5. Precedenti studi epidemiologici sono stati poi utilizzati per valutare la relazione tra le concentrazioni specifiche di inquinamento atmosferico ottenute dai modelli climatici, e gli attuali tassi di mortalità globali.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.