GarganoManfredonia
Accolta parzialmente la richiesta avanzata dal legale dell'uomo

Arresto Luigi Palena, riformata ordinanza: no aggravante mafiosa*

La misura cautelare è stata comunque confermata: il Palena è attualmente ristretto nel carcere di Foggia, in attesa di prossime iniziative difensive


Di:

Manfredonia, 13 novembre 2018. Conferma per la detenzione di una sola pistola, esclusione del porto illegale della stessa arma e riforma dell’ordinanza nella parte in cui si faceva riferimento al porto di una seconda arma e rigetto di tutte le aggravanti contestate, compreso l’articolo 416/bis.

Ordinanza riformata parzialmente
Con provvedimento dell’8 novembre 2018, in parziale accoglimento dell’istanza avanzata dall’avvocato Innocenza Starace nell’interesse di Luigi Palena, n. a San Giovanni Rotondo il 25 agosto 1970, contro l’ordinanza emessa dal Gip di Bari del 13.10.2018, il Tribunale della Libertà di Bari ha confermato il capo 3 dell’imputazione, limitamente al reato di detenzione di una sola arma comune da sparo.

Per il Riesame il citato Palena risponde dunque del solo episodio avvenuto il 5 gennaio 2018 e non ha correlazioni, sebbene per ora rappresenti una sola ipotesi, con alcuna presunta compagine mafiosa.

La misura cautelare è stata comunque confermata: il Palena è attualmente ristretto nel carcere di Foggia, in attesa di prossime iniziative difensive.

L'avvocato Innocenza Starace (image from facebook)

L’avvocato Innocenza Starace (image from facebook)

L’arresto
Come anticipato, nelle prime ore di ieri, 16 ottobre, era stata eseguita una importante operazione di contrasto alla criminalità organizzata della provincia di Foggia, riguardante il brutale quadruplice omicidio commesso nelle campagne di Apricena, nei pressi della vecchia stazione ferroviaria di San Marco in Lamis il 9 agosto 2017.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia e del Reparto Crimini Violenti del Ros di Roma, con il supporto di quelli della Compagnia di Barletta, avevano infatti eseguito nei confronti di due indagati, Giovanni Caterino, cl. ’80, e Luigi Palena, cl. ’70, entrambi di Manfredonia, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Bari su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Caterino (ne riferiamo a parte), era stato accusato di concorso nel quadruplice omicidio e di detenzione e porto delle armi utilizzate per il delitto, entrambi di detenzione e porto di altre due armi.

Le indagini si sono sviluppate su piani diversi ed infatti sono state affidate ad un pool di magistrati della D.D.A. di Bari e a diversi organi dell’Arma dei Carabinieri, che hanno battuto i vari percorsi investigativi: in particolare il Comando Provinciale di Foggia ed il Reparto Crimini Violenti del R.O.S. di Roma, che hanno potuto contare anche sul generoso supporto del Comando Provinciale di Bari, con l’importante contributo della Compagnia Carabinieri di Barletta.

Nota
* rigetto poi rettificato

REDAZIONE STATOQUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA

Arresto Luigi Palena, riformata ordinanza: no aggravante mafiosa* ultima modifica: 2018-11-13T14:38:45+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Antonio

    Ma quale -Palena è innocente chissà come se trovato in mezzo non è il tipo -sono a macchia libera e Mattinata e sono liberi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This