Macondo

Macondo – la città dei libri


Di:

“Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito”. (Gabriel Garcia Marquez)
~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~••~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~~•~~•~~•~~•~~•~~

∞ Far ridere è una cosa seria ∞
di Piero Ferrante

Dati: un uomo mediamente soddisfatto chiamato Roversi, un lavoro garantito, un matrimonio senza lode ma anche senza infamia, un’amicizia storica e accomodantemente abitudinaria. Quesito: verificare, applicando l’assioma dell’ironia, le reazioni derivanti dalla sottrazione, dal corpicione di Roversi, 110 chili di goffa routine, degli elementi sopra indicati. Risoluzione: “Se son rose”, teorema del matematico Massimo Vitali, scuola Fernandel. Vale a dire, una delle prove di come la letteratura, se e quando ne ha voglia, abbia ancora il potere supremo di creare mondi senza limitarsi a riprodurli. Universo, quello originato da Vitali, giovane lupo di mare del periglioso oceano del made in Italy scrittorio (un caso letterario. Nel senso che per caso è approdato alla letteratura visto che, nonostante il discreto successo dei suoi libri, continua a lavorare per una multinazionale svedese – che non è l’Ikea – e ad insegnare nuoto. Cura inoltre il SUO PROPRIO SITO ed un BLOG di recensioni), che dalle mammelle della realtà si nutre. E si ciba talmente tanto del latte del reale da divenire ipertrofico, esagerato, rigonfio, surreale.

La trovata iniziale di “Se son rose” è così buffa da risultare geniale. Un uomo abbandonato, parte integrante del mondo ma dal mondo sconnesso – Roversi appunto – si barrica nel bagno delle donne del Corallo, un cinema d’essai, neppure dei migliori. Sacrificato dal suo capo e scaricato da sua moglie, l’omone cerca l’ascesi nirvanica nell’intimità del luogo più appartato della domesticità quotidiana: il bagno. Inutile provare a cavarlo fuori; inutile però anche cercare la solitudine. Per una strana legge fisica d’attrazione gravitazionale, attorno alla massa di Roversi prenderanno a roteare i più strampalati figuri: donne sole e cani muti; preti popolari e colleghi, parenti e venditori porta a porta. Un piccolo mondo periferico imbrigliato nel giogo dei problemi più vari. Tutti chiedono un orecchio. E con esso, una via di risoluzione, foss’anche un miracolo. Roversi si adegua ma senza civetteria. Prova a reagire agli stimoli esterni, senza purtuttavia lasciarsene travolgere.

L’incontro del caldo umido della toilette e il freddo dell’atmosfera esterna origina l’uragano “Se son rose”. Un evento talmente sagace, divertente, lieve, ingenuo, scanzonato, intelligente, da coinvolgere il lettore in una spirale di rilassatezza volontaria ed arresa. Impossibile è distaccarsene. Chapeau a Vitali, spietatamente ironico e trucidamente esilarante, capace di affiggere al tuo tempo il cartello ‘vietato fermarsi’; se ne appropria con fare furbo e quatto. La sua opera non poggia su strumentazioni cervellotiche. Solo, fa leva sulla semplicità della parola e su una normalità disarmante, a tratti dissacrante, di sicuro ben riuscita. Una normalità in cui gli opposti si attraggono fino a mescolarsi, in cui odio e amore, rabbia e quiete, paura e riscatto banchettano in un convivio spassoso e riflessivo. Ecco dunque le dua corda di “Se son rose”. Un libro che è una scatola di cioccolatini, di cui la metà ripieni di fiele: tanto golosi quanto amari. Di più: un romanzo psicomico psicologico e comico, tipico caso di letteratura stralunata. Un toccasana taumaturgico, la medicina per le coronarie. Da non perdere: il libro, l’autore, le sue spettacolose presentazioni.

Massimo Vitali, “Se son rose”, Fernandel 2011
Giudizio: 4 / 5 – Una risata vi sotterrerà
~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~••~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~~•~~•~~•~~•~~•~~

∞ Pugni, nebbia e pallone ∞
di Roberta Paraggio

Pochi chilometri più in qua rispetto all’equatore Peppone/don Camillo. Zona Bassa, universo padano, terre di nebbia e dialetto francofono, Case del popolo, passioni contadine, olezzo di vacche ed echi di città. Anno del Signore: 1964. Quello del settimo scudetto del Bologna Football Club, del primo scandalo doping, della Guerra in Vietnam. Persiceto come un grande cielo neorealista, il bar della Irma come un immane buco nero, vite consumate dall’alcol e dalla noia, dal gioco e dalla monotonia lenta della dimensione del paese. Una pellicola ingiallita che proietta odori di un mondo lontano, ormai sbiadito, praticamente vintage, macchiato di ideologia e sfumato di americanismo. Le facce di Marco e Giovanni, di Jimmi e Truce, di zio Sante e del fotografo Olindo, di Zazzera e Manetta su uno sfondo di sudore e sangue: ecco cos’è “1964. Misteri, pugili e scommesse”. Un film che scorre inchiostrato, regia di Mauro Curati, montaggio ad opera della Pendragon.

La storia è semplice: l’omicidio di una donna, tanto improvviso quanto misterioso, a turbare la quiete sonnacchiosa di una comunità apparentemente innocua, la scoperta casuale del cadavere, il gruppo di ragazzini che s’autonomina cricca investigatrice d’ufficio. Tutto, in un’Italia in bianco e nero, saturata da contrapposizioni di campo: che sono quelle della Guerra Fredda. Essenzialmente, ma non solo. Perché, mano mano che incedono, ad ogni passo, gli intraprendenti pischelli calpestano piedi ed interessi, svegliano leoni intorpiditi, scoperchiano la pentola del vizio, grande, perversa e colma di una brodaglia densa e appiccicosa. L’investigazione amplia il suo spettro: droga, prostituzione e corruzione squarciano il velo di alonato mutismo e deviano verso la strada della critica sociale.

In tutto il rutilare dell’inchiesta, giocata un po’ per celia, un po’ per non morire arresi, c’è di più. C’è il sogno di gloria di Marco, adolescente pugile men che alle prime anni, c’è l’eco lontano di ring americani, l’epico scontro fra Cassius Clay e Sonny Lindon, il ricordo dei bagni al Samoggia per scampare al caldo umido della Bassa, il puzzo stantio delle pareti di palestre sperse nella grande pianura, le chiacchiere da bar, la voce scartavetrante della Irma e le famiglie disgregate. C’è l’istantanea di una Nazione contadina, serva sì, ma con aspirazioni da regina. Curati tesse un romanzo silenzioso e attutito, che profuma di nostalgia e tempi andati. Lo leggi e immagini che, voltando l’angolo di Via Braglia, dove le donne pasteggiano ai lavatoi, o il vertice della piazza benedetta dal campanile, possa incocciare il cranio contro quello del compagno Togliatti o, chissà, di un Guccini in erba a caccia d’ispirazione per vicoli e trattorie. Ma che, a tratti, non rinuncia ad essere sprizzante-spruzzante-spernacchiante rumore, frenesia, colore, entusiasmo.

‘1964’, insomma, è il gusto di botte nella grappa più forte; è una canzone popolare messa a ciarlare in sottofondo. Un pezzo emotivo, grezzo ed insieme raffinato, sparato da un juke box malandato accantonato in chissà quale bettola di chissà quale buco di mondo. Il consiglio è di non interromperlo. E se un gettone non basta, mettere un alto nella fessura ‘coin’. E lasciarlo andare. E andare. E andare.

Mauro Curati, “1964. Misteri, pugili e scommesse”, Pendragon 2012
Giudizio: 3.5 / 5 – Odore di tempi andati
_______________________________________________________
SCELTO DA MAMMEONLINE
di Donatella Caione

La setta degli angeli di Andrea Camilleri
Un fatto storico realmente accaduto nei primi anni del Novecento dà lo spunto a Camilleri per scrivere un romanzo divertente, ironico, ma anche molto amaro, in cui si ride, molto, e ci si arrabbia, anche. Protagonista è l’avvocato Teresi, avvocato dei poveri in una Sicilia dove i poveri non contano nulla, e dove quel che conta viene deciso nel circolo dei notabili. Alcune giovani donne, per lo più minorenni e illibate, rimangono misteriosamente incinte e mentre i loro padri “accusano” anche molto violentemente gli unici uomini con cui le ragazze potrebbero aver avuto colpevoli incontri, l’avvocato scopre che ad approfittare più che vergognosamente di loro sono i loro parroci, plagiandole al punto da far credere loro che gli atti sessuali che le impongono sono una sorta di sacrifici al Signore. Il parere delle donne, si sa, vale meno di quello della povera gente, che siano figlie di contadini o di nobili. Ma l’avvocato Teresi, grazie alla collaborazione con il tenente dei carabinieri piemontese, riesce a far scoprire, è il caso di dirlo, gli altarini. Ne uscirà comunque sconfitto perchè i notabili siciliani preferiscono fare in modo di riabilitare i sacerdoti e far diventare lui il capro espiatorio. E le giovani donne pagheranno il prezzo della loro innocente stupidità. Insomma è un libro anche molto amaro per una donna lettrice ma la lievità di Camilleri, la sua capacità di dileggiare e ironizzare, rendono anche le situazioni più amare, gradevoli.
_______________________________________________________

CONSIGLIATI DA STATO E DALLA LIBRERIA STILE LIBERO
MACONDO TV VII PUNTATA (con la partecipazione di Massimo Vitali)



LA CLASSIFICA DEI LIBRI PIU’ VENDUTI DELLA SETTIMANA (Libreria STILE LIBERO FOGGIA, pagina fb: qui)
1. Paul Torday, “Pesca al salmone nello Yemen”, Elliot 2011
2. Massimo Vitali,“Se son rose”, Fernandel 2011
3.Claudia Pineiro, “Betibù”, Feltrinelli 2012
_________________

15 APRILE 2012, UN ANNO SENZA VIK


[In collaborazione con la Libreria StileLibero di Foggia e la Casa editrice Mammeonline]
Per consigli, precisazioni, indicazioni, suggerimenti, domande, curiosità, collaborazioni, dubbi, potete scrivere a macondolibri2010@gmail.com

Macondo – la città dei libri ultima modifica: 2012-04-14T01:30:54+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This