Lavoro

Disoccupazione record, ma crescerà ancora


Di:

(Ph: cislbrescia.it)

LA disoccupazione è al suo massimo storico in Europa, ad aprile ha raggiunto un tasso del 12,2%, ma “la mancanza di creazione di posti di lavoro, combinata con i risultati deboli delle indagini sull’attività suggeriscono un altro aumento della disoccupazione nel breve termine”. Lo scrive nel suo ultimo bollettino mensile la Banca centrale europea. “Nel contesto di debolezza economica e continue ristrutturazioni in diversi paesi – afferma la Bce – le condizioni sono sistematicamente peggiorate negli ultimi trimestri”.

Nel dettaglio, il tasso di disoccupazione nell’area dell’euro, rileva la Bce, “è aumentato di 0,1 punti percentuali, salendo al 12,2% in aprile 2013 e raggiungendo un nuovo massimo dall’inizio della serie. Il tasso di disoccupazione è cresciuto di 2,3 punti percentuali dall’aprile 2011, mese in cui ha iniziato a salire”.

Tuttavia, si legge ancora nel bollettino della banca centrale, negli ultimi tempi le indagini sull’attività economica hanno mostrato “alcuni miglioramenti” sull’area euro. Per questo la Bce attende l’avvio di una ripresa economica “più avanti nell’anno”. Il recupero resterà però a ritmi sommessi.

Non vede ripresa invece la Banca Mondiale che proprio oggi, 13 giugno, ha tagliato le proprie stime sulla crescita dell’economia globale nel 2013 e soprattutto quelle sull’Eurozona. A livello mondiale il un progresso atteso del Pil passa dal 2,4% al 2,2%, trainato soprattutto dalle economie emergenti, che è previsto registrino un’espansione del 5,1%.

Mentre per l’Eurozona, il Pil è visto in calo dello 0,6%, un peggioramento di mezzo punto percentuale rispetto alle precedenti stime. A frenare l’attività economica nell’area dell’euro, sostiene la Banca Mondiale, “è la debolezza del clima di fiducia e il risanamento dei conti pubblici in corso in diversi paesi dell’area”. Per il 2014 la Banca Mondiale stima un pil in crescita dello 0,9% e dell’1,5% nel 2015.

Fonte RASSEGNA.IT

Disoccupazione record, ma crescerà ancora ultima modifica: 2013-06-14T11:50:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This