CapitanataStato news

Miglio: “bieticoltura, allarme Nuovo Zuccherificio del Molise”


Di:

San Severo – “UNA notizia allarmante ha appena investito i bacini delle Regioni Puglia, Molise, Basilicata, Abruzzo e Marche: il Nuovo Zuccherificio del Molise rischia di non aprire! Lo Stabilimento, ubicato sulla SS Sannitica Km 217 Località Pantano Basso Termoli, aveva, per la campagna di conferimento 2013, chiesto, contrattato e fatto seminare circa Ha. 5200 di barbabietole da zucchero nelle regioni succitate. “La mancata apertura del nuovo Stabilimento potrebbe avere un effetto distruttivo sul reddito dei bieticoltori, senza trascurare le conseguenze in merito all’onere di smaltimento del prodotto lasciato nei campi”. Lo dice in una nota stampa il sindaco di San Severo F.Miglio.

“Il comportamento risulta, pertanto, molto grave, tale da suscitare un gravissimo allarme sociale sia negli Enti che nelle Istituzioni interessate all’accadimento, le quali hanno già chiesto un incontro urgente e risolutivo, il quale si terrà presso il Ministero dell’Agricoltura domani 15 Luglio 2014”.

Il Sindaco di San Severo, Avv. Francesco Miglio, e il Vicesindaco e Assessore alle Attività Produttive, Francesco Sderlenga, uniscono la loro preoccupazione a quella delle associazioni bieticole delle regioni succitate, e auspicano una celere risoluzione dell’intervento di riapertura, di conferimento e di pagamento del prodotto. “Chiediamo a voce alta, a tutte le Istituzioni e Associazioni di Categoria, di intervenire con forza e determinazione per sventare la chiusura dello Stabilimento”, ha detto l’assessore Sderlenga.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Miglio: “bieticoltura, allarme Nuovo Zuccherificio del Molise” ultima modifica: 2014-07-14T14:35:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This