ManfredoniaStato news
Abbiamo toccato con mano cosa vuol dire per un bambino 'essere nato dalla parte sbagliata'

Campo Rom, non nomadi ma italiani nel ghetto alla fine del Mondo

"E' per questi motivi che nei prossimi giorni, dopo aver organizzato meglio la documentazione video e fotografica, consegneremo i documenti in nostro possesso all'autorità giudiziaria "


Di:

Foggia. ”Siamo rimasti senza parole, a occhi sbarrati, quando abbiamo visto arrivare al Campo di Arpinova uno scuolabus di ATAF che faceva scendere un solo bimbo, italiano figlio di una delle poche famiglie italiane, d’italica etnia, che abitano i container dell¹ex CARA attorno a cui sono sorti il ‘Campo Nomadi’ e la baraccopoli abitati da cittadini di etnia Rom alcuni dei quali di nazionalità italiana. E’ così che abbiamo toccato con mano cosa vuol dire per un bambino ‘essere nato dalla parte sbagliata’, ossia essere nati in un ‘Campo Nomadi’ invece che in una casa in città, perché questa è la differenza tra chi ha potuto frequentare la scuola dell¹obbligo dal primo giorno di scuola fruendo di mezzi di trasporto pubblici, facendo il tragitto insieme ai compagni di scuola e a bambini di altre scuole, da chi ha dovuto aspettare che il nostro Comune si degnasse di portare a termine la gara per la ‘mediazione culturale’ che deve essere assicurata alla ‘popolazione nomade’ residente nel nostro comune. Nascere nella ‘parte sbagliata’ della città vuol dire anche vivere in condizioni indegne per una società civile, anche per paesi del terzo
mondo, come da relazioni del dirigente del Servizio Politiche Sociali e Prevenzione del Comune di Foggia. E’ per questi motivi che nei prossimi giorni, dopo aver organizzato meglio
la documentazione video e fotografica, consegneremo i documenti in nostro possesso all’autorità giudiziaria chiedendo di verificare se siamo in presenza di discriminazione razziale”.

(A cura di Marcello Sciagura, Consigliere Comunale Vincenzo Rizzi, Consigliere Comunale Giorgio Cislaghi, per Alternativa Libera Foggia)

Campo Rom, non nomadi ma italiani nel ghetto alla fine del Mondo ultima modifica: 2015-10-14T09:34:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This