Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Cerignola, antiriciclaggio: arrestato componente banda di Cerignola

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
14 Novembre 2009
Cronaca //

masciaveobenitoCerignola – ESEGUITA un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa lo scorso 2 novembre 2009, dal Gip del Tribunale di Foggia Salvatore Casiello, su richiesta del Sostituto procuratore Domenico Minardi che ha coordinato le indagini svolte dalla Squadra di Polizia Giudiziaria, in merito ad un giro di riciclaggio di autovetture rubate nel sud  barese posto in essere dal sodalizio criminale. Fermati il  21 ottobre mentre smontavano un’autovettura oggetto di furto, ed attualmente  detenuti nel carcere di Foggia: Cosimo Laviola, nato a Cerignola il 29 novembre del 1980, pluripregiudicato, sorvegliato speciale della P.S.; Mariano Mazzilli nato a San Giovani Rotondo il 21 agosto del 1989, residente a Cerignola, pluripregiudicato, Vincenzo Sammartino nato a Cerignola l’8 giugno 1986, ivi residente, pregiudicato. Le indagini avviate  nei mesi scorsi dal commissariato, avevano portato  alla luce un’intensa attività di riciclaggio di autovetture  rubate nel nord barese. Dopo le ultime numerose operazioni di P.G. finalizzate al contrasto del fenomeno del furto e del riciclaggio, che va ad alimentare il sempre più florido “mercato parallelo” dei pezzi di ricambio di autovetture, eseguite dagli agenti di Cerignola fino all’esecuzione di numerosi arresti e sequestri di auto-demolizioni, lo stesso personale di polizia locale accertava un modo di agire differente nella commissione dell’illecito. Gli arrestati, per evitare i pressanti controlli cui erano sottoposti localmente, avevano individuato alcune località nei comuni limitrofi ove “ vivisezionare” le macchine rubate per poi trasportare i pezzi di ricambio privi di dati identificativi presso le auto-demolizioni. Fra questi la località “Contessa” a circa 3 Km dal centro abitato di Stornara. Personale dipendente avviava pertanto nelle prime ore del 21 ottobre, un servizio di osservazione che permetteva di appurare la presenza in un fondo agricolo  di una piccola masseria, all’interno della quale vi era un fabbricato-deposito utilizzato come “mattatoio”, cosa per altro testimoniata dai resti di alcune autovetture presenti.  Infatti, verso le  ore 9.30 circa, giungeva sul posto un Fiat Fiorino dal quale scendevano 4 persone e una Fiat Stilo guidato da Masciaveo. Gli stessi, dopo aver prelevato  alcuni utensili dal furgone, entravano all’interno del fabbricato ed iniziavano le operazioni di “smontaggio” di una Toyota Yaris targata DN 856 GX risultata asportata il girono prima  in Canosa di Puglia. Il pronto intervento degli agenti permetteva di bloccare i 3 uomini in flagranza di reato, un altro giovane, probabilmente straniero e Masciaveo,  riuscivano a dileguarsi facendo perdere le loro tracce in campagna. La successiva perquisizione all’interno del “mattatoio” consentiva  di sequestrare un motore appartenente a una Fiat ma con il numero identificativo già abraso, la targa di una Peugeot 107 DN 698 XV, risultata rubata il 15 ottobre del 2009, ad Andria, alcune centraline elettroniche, diversi utensili e parti di carrozzerie di auto già “tagliate”.

(nella foto: Benito Masciaveo)

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.