Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

VERGOGNA Andria, scarcerato dopo 24 anni il killer della piccola Graziella Mansi

Il 44enne Pasquale Tortora, condannato a 30 anni, ha scontato 6 anni in meno

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
15 Febbraio 2024
Andria // Cronaca //

ANDRIA – Ha finito di scontare la sua pena ed è tornato a casa dopo 24 anni di reclusione.

Il 44enne Pasquale Tortora era stato condannato a 30 anni per l’omicidio della piccola Graziella Mansi, e grazie allo sconto di pena riservato ai detenuti che mantengano una condotta carceraria corretta, ha anticipato di sei anni il saldo del suo personale conto alla giustizia.

Quel 19 agosto del 2000, Andria balzò agli onori della cronaca nazionale per l’efferato omicidio della bimba di 8 anni: adescata, violentata e bruciata nel boschetto ai piedi di Castel del Monte.

Un orrore che ha macchiato per sempre quell’area diventata patrimonio dell’umanità.

Per l’omicidio furono condannati separatamente con giudizio ordinario quattro ragazzi, tutti poco più che ventenni, alla pena dell’ergastolo: Vincenzo Coratella, Giuseppe Dibari, Domenico Margiotta e Michele Zagaria.

Pena di 30 anni, invece, a Pasquale Tortora che fece ricorso al giudizio abbreviato.

Fu proprio Tortora il primo ad essere arrestato, e poi dopo le sue dichiarazioni furono coinvolti anche gli altri quattro suoi conoscenti, in quello che fu considerato il delitto del branco.

«Già da allora, al tempo dei processi, le loro strade si divisero e per forza di cose non si sono più ricongiunte.

Fonte: leccenews

Da un lato i quattro (diventati tre dopo la morte di Coratella) che gridano ancora la loro innocenza, e dall’altro Tortora che ha avuto un destino diverso, conseguenza di scelte processuali differenti». Le parole dell’avvocato Carmine Di Paola palesano rabbia, dolore e amarezza per l’esito del processo.

Il penalista ha difeso Vincenzo Coratella e Giuseppe Dibari e ha professato la loro innocenza, non solo nelle aule processuali, ma anche sul libro che ha tracciato la sua lunga carriera professionale.

Ventiquattro anni di carcere, praticamente una vita. Ma i quattro restano fermi sulla loro posizione di innocenza?

“Per la cronaca e per opportuna memoria di tutti, Vincenzo Coratella si suicidò nel carcere di Lecce, affidando ad uno scritto disperato la sua riaffermazione di innocenza.

Giuseppe Dibari, resiste in un bunker di assoluto isolamento, si affida alle letture evangeliche, è insofferente anche ai colloqui con i suoi familiari, si rifiuta di richiedere misure alternative alla detenzione cui oggi potrebbe ambire.

Sostiene che uscirà dal carcere unicamente quando sarà riconosciuta la sua totale estraneità al delitto”.

Fonti verificate: lagazzettadelmezzogiorno.i //

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.