Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

POVERO Fedez in tribunale: “Sono nullatenente”. E parte l’esposto alla Finanza

“Tutto è intestato alle mie società"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
15 Febbraio 2024
Hot motori // Live //

MILANO – È l’uomo più invidiato d’Italia, vive nella ricchezza, ed è uno degli influencer che più incide sui social media in Italia. Eppure, davanti al giudice si è dichiarato «nullatenente».

A sorpresa, si tratta di Fedez. Le dichiarazioni inaspettate del rapper, riportate da la Repubblica, rientrano in un procedimento per diffamazione risalente a novembre 2020.

L’udienza avviene in modalità telematica per via del Covid. L’audio saltella a causa di problemi tecnici e il magistrato, forse egli stesso incredulo, chiede conferma più volte di aver sentito correttamente.

Ma Fedez non cambia mai linea: «Beni mobili o beni immobili registrati? Nullatenente». Poi la precisazione che sembra chiarire quanto dichiarato: «È tutto intestato alle mie società».

L’inchiesta

L’inchiesta ha origine dall’acerrimo nemico di Fedez: il Codacons. L’associazione a tutela dei consumatori aveva denunciato il rapper per diffamazione dopo che fece riferimento a una presunta pubblicità ingannevole sul sito del Codacons, relativa al Coronavirus.

Per questo caso il prossimo maggio Fedez verrà ascoltato in aula. Ora, però, per le dichiarazioni pronunciate riguardo ai suoi beni, il Codacons torna sul piede di guerra presentando un esposto alla Guardia di Finanza.

DIRE

«Negli ultimi cinque anni si sono succedute numerose operazioni straordinarie che hanno portato il gruppo ad assumere assetti sempre diversi.

Ulteriori e specifiche considerazioni possono essere svolte valutando la tipologia di operazioni straordinarie poste in essere», spiega l’associazione.

«Potere occulto e trasversale»

Inoltre, a insospettire il Codacons «è la fitta trama di rapporti di affari con nuovi soggetti che delinea l’allegata ricostruzione e rappresenta un salto di qualità, in termini strategici, rispetto a quanto osservato in precedenza».

A loro avviso, la situazione «merita un’analisi più ampia al fine di cogliere le ragioni strategiche sottostanti che, ancorché potenzialmente lecite, possono talvolta travalicare e deviare in una forma di ‘potere occulto e trasversale’ la cui conoscenza non può rimanere estranea all’attività istituzionale del Corpo».

Fonti verificate: OPEN //

3 commenti su "Fedez in tribunale: “Sono nullatenente”. E parte l’esposto alla Finanza"

  1. Questa è l’Italia, e io con uno stipendio e una casa, vengo tartassato per pagare le tasse a certi bas….paras….di una nazione che gira al contrario della LEGALITÀ.

  2. Che vergogna, un paese allo sbando l’Italia! Un paese dove questo escremento fa causa a chiunque perchè magari gli ha dato una risposta sgarbata, mentre lui può permetterisi di diffamare chiuque tanto risulta nullatenente. La moglie truffa gli ospedali. Ma dove siamo arrivati? Ci vuole un segnale forte, andrebbero requisite tutte le sue proprietà e ridotto in povertà!

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.