GarganoManfredonia
Il Presidente Di Gioia: “Singolare quanto l’assenza di connessione virtuale per qualche ora, abbia lasciato il segno”

Social in crash in tutta Europa, Psicologi Puglia: “Ricerca spasmodica del virtuale”


Di:

Domenica 14 aprile, gli utenti di Facebook, Instagram e Whatsapp hanno registrato un malfunzionamento dei social per tre ore. Si è trattato del secondo “crash” in un mese, due episodi che hanno raccolto l’ironia di meme e commenti degli utenti. Mentre i tre social erano fuori uso, si è registrato un notevole incremento di traffico su altri social, sui quali sono confluiti tutti gli utenti orfani. “Una lettura della realtà poco confortante, la ricerca spasmodica del contatto virtuale ci restituisce il risultato di quanto costruito negli ultimi anni: una società che ha necessità di relazioni virtuali, persone che si rifugiano nell’estraneazione dal reale per evitare di confrontarsi in relazioni autentiche ” commenta Antonio Di Gioia, presidente dell’Ordine degli Psicologi.

“La dipendenza dal web è un problema sottovalutato” dice Antonio Calamo Specchia, consigliere dell’Ordine. “Dovremmo intervenire in maniera drastica nelle scuole per rinforzare attraverso interventi mirati le relazioni socioaffettive, che i social insidiano” conclude Calamo Specchia.

Social in crash in tutta Europa, Psicologi Puglia: “Ricerca spasmodica del virtuale” ultima modifica: 2019-04-15T12:22:59+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Duosiciliano Patriottico

    Io sono un grande appassionato di tecnologia, ma non ne sono affatto dipendente, e la riprova sta proprio nel fatto che situazioni come queste non mi fanno né caldo, né freddo, anzi, qualche volta è bene restare un po’ disconnessi dal mondo virtuale, chissà magari ci ricordiamo anche dell’esistenza di quello reale al di fuori degli schermi, con tutti i pregi che ne conseguono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This