Manfredonia
I consiglieri comunali 5Stelle Fiore e Ritucci "tutto come più volte preannunciato"

Scattano le sanzioni per chi aveva eletto Riccardi alla presidenza Asi


Di:

Manfredonia, 15 maggio 2019. Le sei pagine della determina n.2 dell’8 maggio 2019 del “responsabile della prevenzione della corruzione” dell’ASI di Foggia, Michelarcangelo Marseglia, bruciano come fiamma tra le mani dei componenti dell’assemblea generale che il 27 settembre del 2017 elesse all’unanimità l’allora sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi a presidente del suddetto Consorzio per le Aree di Sviluppo Industriale. Bruciano perché si procederà nei loro confronti con le sanzioni soggettive previste dalla legge, perché saranno tutti chiamati a rispondere delle conseguenze economiche degli atti adottati e perché non potranno per tre mesi conferire incarichi di loro competenza. Quell’assemblea era composta da Francesco Miglio, Franco Landella, Salvatore Zingariello, Luigi Montorio, Generoso Rignanese, Vincenzo Nunno, Fabio Porreca, Gianni Rotice, Francesco Caccavo, Alfonso Ferrara.

E’ doveroso anche ricordare che l’estensore di questa determina, che chiude il sipario sul farsesco teatrino messo in scena dai protagonisti di questa vicenda di basso profilo, è proprio lui, il responsabile della prevenzione della corruzione all’interno dell’ASI, la figura chiamata a vigilare sulla trasparenza, correttezza e legalità in ogni attività dell’ente così come nelle procedure di assegnazione delle cariche e composizione degli organigrammi, l’uomo che, in ossequio alla deliberazione dell’ANAC del 9 maggio 2018, avviò sì il procedimento di contestazione dell’inconferibilità a Riccardi, ma fu solo fumo negli occhi poiché dopo un mese, sulla base delle proprie risultanze istruttorie e considerazioni in fatto e merito, optò per l’archiviazione…

Badate bene, nonostante l’ANAC avesse verificato e confermato la violazione (art.7 del D. Lgs n.39/2013 – disciplinare ipotesi inconferibilità) commessa nell’affidare la carica di presidente, il responsabile della prevenzione della corruzione dell’ASI decideva di archiviare il procedimento.

Nessun ripensamento ai primi di luglio, quando gli veniva notificato dall’Autorità Nazionale Anti-Corruzione “formale invito a conformare le proprie determinazioni a quanto rilevato ed evidenziato nella deliberazione n.453 del 9 maggio 2018” facendo presente che, in difetto, l’ANAC avrebbe interessato la magistratura contabile per quanto di sua competenza.

Niente da fare anche il 3 agosto 2018, quando la Regione Puglia – sezione competitività, gli trasmetteva “formale invito a uniformarsi alla deliberazione ANAC…sottolineando positivamente le determinazioni assunte dall’Autorità” specificando, inoltre, che la lettera di invito (della Regione, ndr) conteneva motivazioni autonome e aveva agito con autonomo potere di controllo in virtù del quale avrebbe potuto procedere al commissariamento dell’ente.

Ci provava anche Riccardi presentando ricorso al Tar del Lazio che, con sentenza n. 04608 del 3 aprile 2019 depositata l’11, respingeva tutte le motivazioni ritenendo legittima la deliberazione ANAC. E mentre il recalcitrante il sindaco di Manfredonia, ora ex, annunciava l’ennesimo ricorso al Consiglio di Stato, Marseglia ha finalmente messo nero su bianco l’accertata e documentata nullità dell’incarico e le conseguenze che ricadranno sui componenti dell’assemblea che lo avevano eletto.

“L’epilogo di questa vicenda sia un monito anche per i nostri funzionari e amministratori pubblici, consiglieri comunali, segretario generale e organi di controllo, a non sottovalutare, come sempre da noi richiamato, le conseguenze penali e civili per falso ideologico in atto pubblico, il reato che viene contestato a chi adotta atti amministrativi non rispondenti alla reale situazione economica e finanziaria dell’ente”.

I consiglieri Comunali Gianni FIORE e Massimiliano RITUCCI

Scattano le sanzioni per chi aveva eletto Riccardi alla presidenza Asi ultima modifica: 2019-05-15T18:32:12+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
17

Commenti

  • Gianni e Pinotti non riesco a dormire pensando a Riccardi


  • Valentino f.

    Mentre come viene definito
    colui il quale propaganda nessuna coalizione e poi si allea x governare?
    Colui il quale prende i voti della sinistra e sostiene un governo che censura la libertà e la democrazia?
    Colui il quale grida al balcone di aver abolito la povertà a danni dei pensionati che non si vedono l’aumento ISTAT delle loro pensioni per pagare il reddito di cittadinanza, reddito che fra l’altro non ha abolito affatto la povertà?
    Colui il quale, sempre in barba alla costituzione, sostiene la flat tax che altro non è che uno scudo per chi vuole evadere?
    Colui il quale, a proposito di evasione, prima grida uno vale uno e poi ad uno gli fa uno stralcio fiscale da 49 milioni di euro?
    Colui il quale ha sempre detto di sostenere chi viene eletto e poi colloca un non eletto alla presidenza del consiglio?
    Colui il quale viene governato da una società privata?
    Come?


  • Cosa ci interessa dell'ASi??

    La citta’ e’ commissariata e fate ancora articoli propaganda contro Riccardi.Pensate ad altro, ci sono gli organi preposti per queste cose.Gianni e Pinotto, la citta’ sta nella cacca, chissenefrega di questi comunicati. Andate a candidarvi con Marasco, siete come lui, puntate solo il dito, ancora nessuno ha capito le vostre capacita’ semmai le avete.


  • Silvana

    Gianni e Pinotto , se ne stanno facendo una malattia, per cortesia ricordate a questi due -stalle, che non sono più consiglieri.


  • Pasquino

    Ora tutte le persone citate nel testo, sicuramente, diranno che loro sono politici o tecnici. Che la materia amministrativa non la conoscono. Che il responsabile anti corruzione Marseglia confermava la regolarità degli atti ai dettami della legislazione vigente tanto da accantonare le comunicazioni ricevute. Questa è storia vecchia. Trita e ritrita. Storia di tutti i giorni. Non serve a niente dire “te lo avevo detto”. Il fare affinché certi politici paghino le loro malefatte e’ quello che conta. Aspettare che succeda, veramente, un cambiamento, tanto strombazzato ed annunciato, e’ soltanto utopia. Così mi ritorna in mente che se li annusi nel culo, puzzano tutti.


  • SPQS

    Bravi, invito la Redazione a non pubblicare commenti come quelli di “killer” che già dall’alias la dice tutta. L’impegno di questi due ragazzi sta dando risultati. Sempre dalla parte della legalità e della democrazia, mi raccomando.


  • antonella

    Bravi, onore al merito di quanti hanno data lustro alla verità, sopratutto alla legalità delle azioni politiche.
    Siamo di fronte ad una rivoluzione politica e civilistica epocale, necessario è continuare a ripulire le città, le regioni e il paese dallo sporco, tutto deve essere bonificato e sanificato completamente, chi ha creduto di trattare la politica come un mezzo di potere per fini personali o di casta, si dovrà ricredere, è arrivato il momento da molti atteso, verità, onestà e trasparenza.
    A ognuno i propri meriti come i demeriti.
    Atto di grande intelligenza sarebbe quello di ammettere di aver sbagliato, scusarsi pubblicamente, e fare ammenda.


  • Uno qualunque

    Definirli eroi mi sembra un tantino sproporzionato, certo e’ che in consiglio comunale non c’era un’opposizione degna di questa parola, come è altrettanto vero che a Manfredonia, negli ultimi 20 anni c’è stata una vera e propria spartizione delle vesti di Cristo, dove maggioranza ed opposizione mangiavano nello stesso piatto a danno della città. Il Sig. Riccardi non si aspettava questo cambiamento di comportamento ed ha continuato ad agire allo stesso modo di sempre non capendo che qualcosa stava cambiando. IDovremmo essere riconoscenti a questi due paladini che, a differenza di altri, non si sono venduti per poltrone o altro. Caro killer, mi permetto in quanto forse più grande di te, forse un giorno capirai che la legalità e la trasparenza portano benefici per tutti e non solo a pochi, che la vita è migliore dove non esiste l’assistenzialismo e che il lavoro è un diritto di tutti. Forse, questo è il momento per ripensare ad un sistema di vita che non porta a nulla e che penalizza le generazioni future.


  • cittadino di Manfredonia schifato

    Bravi e grazie per il vostro impegno.


  • Duosiciliano Patriottico

    Tolto il fatto che attaccarsi ancora all’ex sindaco significa non sapere proprio di cosa parlare (“E allora il Piddi???111!1!1!!” sempre e comunque), quando scatteranno invece le sanzioni contro la Casaleggio Associati, ditta privata identica alla Torre di Guardia con i Testimoni di Geova, per circonvenzione di incapaci, ovvero “grullini” come Gianni & Pinotto?


  • Alfredo

    Spero che tutti i COSTI di ricorsi, avvocati,….non ricadino sui soliti fessi dei cittadini.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    @duettosiciliano, se e per questo vale anche per noi Manfredoniani.


  • credente

    Incapace sarai tu! Che minchia centra la religione idiota!


  • Duosiciliano Patriottico

    @Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi: Gli “Zambredoniani” sono N.D., un caso a sé 🤣🤣🤣


  • Pecora Nera

    Finalmente i fatti vi danno ragione, complimenti!!

    Qualcono dice “ci sono gli organi preposti per queste cose” ma se non fosse stato per le vostre denunce questi organi (persone) si sarebbero stati ” belli, belli nascosti a cuccia” sperando di non essere beccati. E di FURBETTI ne vengono scoperti tutti i giorni ….

    BRAVI!!!!


  • Se llama obsesión

    No, no es amor lo que tu sientes se llama obsesión
    Una ilusión en tu pensamiento
    Que te hace hacer cosas
    Así funciona el corazón


  • Duosiciliano Patriottico

    @Pecora Nera: “I fatti vi danno ragione”

    Esatto, solo i “fatti”, cioè i drogati possono dare ragione ai “5 Stalle” 😂😂😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This