Edizione n° 5347

BALLON D'ESSAI

RISPETTO // Torremaggiore. “Sgarbi aspramente e volgarmente attaccato da esponenti del locale M5S”
25 Maggio 2024 - ore  13:37

CALEMBOUR

PATOLOGIA // Morto Paolo Spada, il medico delle “Pillole di ottimismo” durante il Covid
25 Maggio 2024 - ore  17:59

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

POLITICA Ciro Caliendo (CIA San Severo): “Governo ritarda l’attuazione del granaio d’Italia”

"Questa decisione danneggerà ulteriormente tutto il comparto cerealicolo".

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
15 Maggio 2024
Politica // San Severo //

Il 6 maggio 2024, il Consiglio dei Ministri ha discusso e approvato un documento che affronta diverse questioni agricole di cui si parla da mesi, sia da parte delle associazioni di categoria che dai numerosi presidi nati in tutta Italia per protestare contro l’eccessiva burocrazia, la mancanza del Granaio d’Italia, calamità naturali, e varie misure economiche a tutela del settore. Inizialmente, sembrava che questo governo di centrodestra fosse pronto ad affrontare le varie problematiche, prevedendo l’attuazione del Granaio d’Italia già da luglio 2024 con la nuova annata del grano. Tuttavia, ora pare che l’implementazione del Granaio d’Italia sia stata posticipata a gennaio 2025.

È importante sottolineare che il Granaio d’Italia è l’unico sistema in grado di tracciare le produzioni di grano e semola italiane, eliminando il falso Made in Italy e permettendo ai consumatori di scegliere se acquistare prodotti italiani o meno, garantendo inoltre un giusto prezzo in relazione alla qualità e provenienza dei prodotti. Ricordo che, tramite CIA Puglia, è stata firmata una petizione l’anno scorso che ha raccolto più di 50.000 firme, con diverse manifestazioni presso la Camera di Commercio di Foggia e il porto di Bari.

Come rappresentante territoriale della CIA San Severo, aggiungo che, nonostante la battaglia sindacale portata avanti da oltre un anno dalla CIA, sia a livello regionale che nazionale, e gli sforzi di tutti gli agricoltori che si sono mobilitati con le proprie risorse, il governo attuale non ha ancora attuato il sistema Granaio d’Italia. Questo sistema non solo tutelerebbe il settore cerealicolo, ma anche tutti i consumatori.

Questa decisione danneggerà ulteriormente tutto il comparto cerealicolo, permettendo ai consumatori di continuare a pagare per una qualità che non c’è, mentre i produttori non riceveranno il giusto compenso.

Il motivo dietro questa decisione non è chiaro: potrebbe essere dovuto alle lobby, alle multinazionali, ai grandi importatori o ai trasformatori. Una cosa è certa: il settore agricolo ha bisogno di schieramenti politici solidali con gli agricoltori e vicini a tutti gli italiani!

CIRO S. CALIENDO

Lo riporta LaGazzettaDiSanSevero.it.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” Sir Winston Leonard Spencer Churchill

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.