FoggiaPolitica
Lia Azzarone (Pd) e Raffaele Di Mauro (Fi) sono i coordinatori provinciali dei rispettivi partiti

Ritorni e new entry nel consiglio comunale di Foggia. Prima volta del M5s

Concetta Soragnese (Lega) dall’ufficio dell’eurodeputato Matera a Palazzo di città


Di:

Foggia, 15 giugno 2019. La commissione elettorale centrale sta verificando i verbali delle elezioni comunali. Fra una decina di giorni potrebbe arrivare la definizione del consiglio con i voti esatti ottenuti dai 32 candidati. La composizione -al momento probabile-  presenta qualche incertezza, in particolare, per il terzo consigliere che scatterebbe nella lista del Pd, se l’uscente Alfonso De Pellegrino o Pasquale Dell’Aquila. Solo due voti in più per De Pellegrino, stando allo scrutinio effettuato il 27 maggio. Per Dell’Aquila, eventualmente, sarebbe un ritorno dopo 5 anni, quando rivestì questo ruolo nell’amministrazione Mongelli.

Ma vediamo quali sono i ritorni fra i banchi e le novità, a parte le riconferme nella rosa dei 32.

Nel centrosinistra Giulio Scapato, lista ‘La città dei diritti’ di cui è primo degli eletti, oltre 900 preferenze, ha ricoperto ruoli in giunta nel decennio del centrosinistra.

Francesco De Vito, figlio di Paolo De Vito, già consigliere comunale con Mongelli. Vigile del fuoco, componente della segreteria nazionale del sindacato Uil, ha ottenuto 750 voti.

Pippo Cavaliere, candidato sindaco del centrosinistra, è stato assessore con Mongelli, assessore tecnico chiamato dall’esterno. Anche per lui un ritorno.

Anna Rita Palmieri è stata consigliere comunale con il sindaco Gianni Mongelli, ex consigliere di circoscrizione, ha gestito per vari anni a Foggia un centro antiviolenza, torna a Palazzo di città con 750 voti.

Lia Azzarone, la più suffragata nel Pd, partito di cui è segretario provinciale, è alla sua prima esperienza in consiglio comunale.

Nel centrodestra la new entry Danilo Maffei (lista Foggia vince) con 906 voti. Una militanza in Forza Italia, laurea in economia aziendale, un comitato nel quartiere Candelaro come base per la campagna elettorale, ha stupito sia per la folla presente all’inaugurazione, sia perché è fra gli eletti più giovani, poco più che trentenne.

Antonio Capotosto (Udc) 334 voti. Vice sindaco a Carapelle, collaboratore scolastico nel paese dei 5 reali siti, suo padre è stato consigliere del Pci negli anni ‘80.

In Forza Italia 900 voti per Dario Iacovangelo, ex segretario cittadino dell’Udc, che si è molto speso per le primarie a favore di Leonardo Iaccarrino. Entrambi sono poi passati a Forza Italia. Iaconvangelo in questi anni si è occupato di periferie, zona Salice, Borgo Cervaro, Segezia, dai problemi delle strade all’illuminazione.

Raffaele Di Mauro, coordinatore provinciale di Fi, ha fatto una campagna elettorale intensa e molto attiva. Come nel Pd con Lia Azzarone, il responsabile del partito per Foggia e provincia entra in consiglio comunale.

Nella Lega il più votato a Foggia, Massimiliano Di Fonso. Sindacalista della sanità, commissario cittadino dell’Udc nel 2014. Dopo le elezioni di quell’anno, in cui non riuscì ad arrivare in consiglio, propose i “contenitori di quartiere” per discutere dei problemi della città, idea poi ripresa dai candidati nel 2019.

Eletta nella Lega Concetta Soragnese, 35 anni, per 8 anni nelle segreteria dell’eurodeputato Barbara Matera. Ne ha curato l’ufficio territoriale con sede a Lucera occupandosi periodicamente di Bruxelles e Strasburgo. Creare uno “Sportello Europa” al Comune, o uno sportello europeo privato, è uno dei suoi obiettivi.

Liliana Iadarola, nuovo consigliere comunale della  Lega, avvocato, 43 anni, proviene da una famiglia che si occupa di produzione e distribuzione alimentare.  Ha scelto di candidarsi nella Lega provenendo da una famiglia di destra.

Prima volta in assoluto per il simbolo del M5s al Comune di Foggia. Fra i banchi dell’opposizione con Il Pd, il candidato sindaco Giovanni Quarato, ingegnere, attivista della prima ora.

Con lui Giuseppe Fatigato, imprenditore della sanità, candidato nel 2014 con Vincenzo Rizzi, la cui lista non venne poi riconosciuta. Eletto nel 2019 con 700 preferenze. Terzo eletto Michele Norillo, attore di commedia, volto molto conosciuto in città.

Il consiglio comunale

Ecco i nomi dei 32 consiglieri comunali in base ai voti scrutinati nelle sezioni il 27 maggio.

Forza Italia: Bruno Longo, Leonardo Iaccarrino, Dario Iacovangelo, Consalvo Di Pasqua, Pasquale Rignanese, Raffaele Di Mauro.

Lega: Massimiliano Di Fonso, Alfonso Fiore, Salvatore De Martino, Liliana Iadarola, Concetta Soragnese.

Fratelli d’Italia: Luigi Fusco, Erminia Roberto, Francesco D’Emilio.

Udc: Antonio Capotosto.

Destinazione Comune: Francesco Morese, Lucio Ventura, Anna Paola Giuliani.

Foggia Vince: Danilo Maffei, Paolo Citro.

Pd: Pippo Cavaliere, Lia Azzarone, Francesco De Vito, Alfonso De Pellegrino (o Pasquale Dell’Aquila).

Foggia civica: Rosario Cusmai.

Foggia Popolare: Sergio Clemente.

Senso Civico: Leonardo Di Gioia.

La città dei diritti: Giulio Scapato, Anna Rita Palmieri.

M5s: Giovanni Quarato, Giuseppe Fatigato, Michele Norillo.

In giunta il posto da vicesindaco potrebbe spettare al leghista, ex presidente del consiglio, Luigi Miranda. La presidenza del consiglio a Leonardo Iaccarrino (Fi), un assessorato all’annona e alla sicurezza per la Lega che potrebbe essere assegnato ad Alfonso Fiore. Si tratta di voci non confermate, nell’attesa della conferma dei consiglieri da parte della commissione elettorale centrale.

A cura di Paola Lucino,

Foggia 15 giugno 2019

Ritorni e new entry nel consiglio comunale di Foggia. Prima volta del M5s ultima modifica: 2019-06-15T09:50:53+00:00 da Paola Lucino



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This