FoggiaStato news

Foggia, Black Security: rischiamo la vita ma senza stipendi da 9 mesi


Di:

Foggia – “SONO 100 le guardie particolari giurate dipendenti della Black Security a cui l’azienda non corrisponde più lo stipendio da mesi: il ritardo nella corresponsione di quanto ci è dovuto va da un minimo di 7 a un massimo di 9 mensilità, senza contare che nessuno di noi percepisce più gli assegni familiari. La situazione è insostenibile, non è più procrastinabile un intervento della Prefettura”. E’ con queste parole che i dipendenti dell’Istituto di Vigilanza Black Security lanciano un appello-denuncia.

“Il ritardo dei pagamenti sta mettendo sul lastrico 100 famiglie foggiane – spiegano le guardie giurate -. Documenti alla mano, abbiamo denunciato la situazione all’Ispettorato del Lavoro e, come lavoratori e cittadini, crediamo di avere il diritto di pretendere che la Prefettura metta l’azienda di fronte alle proprie responsabilità. La proprietà della Black Security, nonostante le nostre reiterate richieste di chiarezza, rifiuta il dialogo e, ad oggi, non ha ancora presentato un piano di rientro per annullare progressivamente i ritardi accumulati nell’erogazione degli stipendi. E non è tutto. Da quando sono state fatte le prime denunce all’Ispettorato del Lavoro, i dipendenti che si sono esposti hanno un diverso trattamento rispetto agli altri lavoratori e sono quelli più penalizzati dai ritardati pagamenti”. La Black Security srl ha tuttora in essere importanti commesse per la vigilanza: Gruppo Ar-Princess, Terna spa, Alenia, Gruppo Banca della Campania, Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Novara, oltre a moltissimi contratti con gli esercizi commerciali della città, basti pensare che ogni notte, per il servizio di ronda, sono 8 le unità mobili che percorrono le strade del capoluogo e della provincia. “Questo significa che da una parte l’azienda incassa, dall’altra continua a non pagare i propri dipendenti senza spiegare il perché di questo comportamento e rifiutando ogni possibilità di confronto e chiarimento. Alla gravità della situazione inerente i ritardi nell’erogazione degli stipendi si aggiunge un problema altrettanto serio, quello della sicurezza sul lavoro. Il parco auto della Black Security è ormai fatiscente, obsoleto. Lo stato in cui versano le automobili che utilizziamo è a dir poco preoccupante e mette in grave pericolo l’incolumità non solo di noi lavoratori ma anche degli automobilisti che incrociano le nostre macchine sulle strade del capoluogo e di tutta la provincia. E’ un problema che riguarda tutti. Su ognuna delle questioni che torniamo a denunciare, ancora una volta, è necessario che la Prefettura si attivi, sia vigile, presente, e che tutti gli organi competenti chiedano conto della situazione ai vertici aziendali. Il nostro obiettivo è quello di avviare la risoluzione di problemi seri, gravissimi, che riguardano i lavoratori della Black Security e l’intera comunità. Le questioni che stiamo mettendo in evidenza stanno già avendo conseguenze drammatiche sulla vita quotidiana di 100 famiglie e potrebbero causare altri problemi gravissimi, se solo si pensa alla mancanza di adeguate condizioni di sicurezza sul lavoro che deriva dalle condizioni del parco auto”.

(PH: VINCENZO MAIZZI)

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Foggia, Black Security: rischiamo la vita ma senza stipendi da 9 mesi ultima modifica: 2014-09-15T12:23:54+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • luigi

    A quanto pare il dott. Annarelli risulta irreperibile in qualsiasi occasione si voglia contattarla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This