EconomiaManfredonia
Nota stampa

Condoni edilizi, Simoncini: “Galletti e le istanze pregresse?”

Ciò ovviamente implica che ci siano anche dei dinieghi riguardo ad alcune istanze e che si proceda alle demolizioni per chi ha edificato palesemente al di fuori delle regole


Di:

Roma, 15 ottobre 2015 – «L’auspicio del ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, che in futuro non vengano più varati condoni edilizi può certamente essere condivisibile. A tale dichiarazione di principio, però, deve necessariamente accompagnarsi l’indicazione di una soluzione veloce ed efficace per lo smaltimento delle centinaia di migliaia di istanze in giacenza relative alle tre sanatorie del 1985, del 1994 e del 2003. Altrimenti si rimane nell’ambito delle frasi ad effetto, senza dare uno sbocco operativo ai problemi». Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA. «Non c’è dubbio che i disastri a cui assistiamo quotidianamente per il maltempo siano favoriti e amplificati da un modo scellerato di cementificare il nostro Paese – prosegue Simoncini –. Il consumo di suolo è un fenomeno che va arginato e possibilmente arrestato, ma non possiamo far finta che tre condoni non ci siano già stati: incassare gli oneri concessori relativi alle domande pregresse di chi ha diritto al condono permetterebbe alle Amministrazioni locali e allo Stato di avere ulteriori risorse da destinare alla messa in sicurezza del territorio. Ciò ovviamente implica che ci siano anche dei dinieghi riguardo ad alcune istanze e che si proceda alle demolizioni per chi ha edificato palesemente al di fuori delle regole: su questo gli Amministratori devono garantire massima risolutezza, senza farsi guidare dalla logica del consenso politico. Ci sono nuovi sistemi che consentono di abbattere tempi e costi grazie a procedure snelle e trasparenti: vanno vinti gli interessi di parte e le resistenze, che troppo spesso bloccano lo sviluppo e l’innovazione in Italia».

Condoni edilizi, Simoncini: “Galletti e le istanze pregresse?” ultima modifica: 2015-10-15T11:58:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Pasquale

    Quando avvengono questi disastri causati fa forti pioggie ( bombe d’ acqua), e’ facile scaricare tutte le colpe alle costruzioni abusive, ma non e’ proprio cosi’, perché il piu’ delle volte accadono ( vedi il caso di Genova ) dove sono stati costruiti , con regonare concessioni edilizie, interi quartieri ai margini di un letto di un fiume, ostruendo il regolare flusso delle acque in caso di e enti definiti ECCEZIONALI.
    Ip piu’ delle volte dei casi, si prendono tali decisioni, e lo sappiamo tutti, solo perché, il proprietario dei terreni e’ amico o parente del Politico di turno che COMANDA.
    Inoltre, non si e’ mai posto il problema che, la profondità di un fiume, causa il deposito di terra e materiale vario, con il passare degli anni, dimezza la sua profondità e quindi la sua portata


  • Pasquale

    pertanto non diciamo caxx…. e cercate veramente di risolvere questo problema , affinché ogni anno dobbiamo stare a sentire queste triste notizie.
    Sarebbe arrivata l’ora di pensare di costruire, ai piedi di catene montuose, vari collettori per la raccolte di acque piovane.
    Tutte le altre chiacchiere di solidarietà, non servono a nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This