Cultura
Si tratta di fotografie in posa, dalle scene ricche di teatralità, studiate e composite

Un Coreano nelle vesti di Maria Stuarda

Identità che affermano la propria capacità di esistere e di fondersi fino al paradosso


Di:

Roma – Chan-Hyo Bae è un giovane fotografo sudcoreano con la passione per l’arte inglese. Alcune delle sue fotografie sono in mostra, in questi giorni, per la prima volta, a Roma, all’interno della Galleria Visionarea. Si tratta di fotografie in posa, dalle scene ricche di teatralità, studiate e composite: in esse Chan-Hyo Baeènon solo fotografo, ma anche protagonista, vestendo i panni di icone storiche e fiabesche della cultura anglosassone, come Maria Stuarda, Anna Bolena, Cenerentola. Identità che affermano la propria capacità di esistere e di fondersi fino al paradosso, proposto conironia ma comunque liberamente affermato: se il tema portante della mostra è, infatti,l’indagine sul potere, condotta attraverso immagini che richiamano quelle dei sovrani diffuse presso i sudditi, e che sembrano al limite con il kitsch e lo sberleffo, sembra però, attraverso di esso, farsi strada anche un altro tema,quello identitario, quasi che si reclamila libertà dell’artista di vivere la propria identità fino all’estremo, superando non solo i confini culturali, temporali e di identità sessuale, ma anche quelli tra realtà storica e fantasia.

(A cura di Valentina Sapone – valentina_sapone@libero.it)

Un Coreano nelle vesti di Maria Stuarda ultima modifica: 2015-10-15T14:39:26+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This