Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

RELIQUIA Procuratore Trani: “Contesto dove operava Livatino simile alla Bat”

Ad Andria reliquia del giudice assassinato dalla mafia nel 1990

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
15 Novembre 2023
BAT // Cronaca //

TRANI – “Studiando la figura di Livatino e il contesto in cui ha operato, in particolar modo ciò che accadeva ad Agrigento, a Canicattì in quegli anni, ci sono tante similitudini e analogie con quello che noi viviamo in questa provincia, nella provincia Bat”.

Lo ha detto il capo della Procura di Trani, Renato Nitti a margine dell’arrivo a Palazzo di città ad Andria, della reliquia del beato Rosario Livatino, il giudice assassinato dalla mafia agrigentina nel 1990.

“In quegli anni si viveva con un forte depotenziamento delle forze di polizia: a Palma di Montechiaro non c’era neanche il commissariato – ha proseguito Nitti – e lo sforzo che veniva fatto da Livatino in materia ambientale, spesso non veniva compreso perché non tutti operavano nel settore del diritto penale dell’ambiente”. “Era difficile stare al passo con il suo metodo di lavoro”, ha evidenziato il procuratore.

“Se andiamo a leggere Nando Dalla Chiesa che è un altro autore che ha approfondito la figura di Livatino, ci rendiamo conto – ha aggiunto – che negli anni Ottanta è stata fatta una attività di denigrazione costante dei magistrati che ha portato a un forte senso di isolamento”. “Quanto sono oggi istruttive le pagine scritte da Livatino sul tema della responsabilità del magistrato”, ha continuato Nitti perché evidenziano “come certi meccanismi di cui sentiamo parlare in questi giorni dalla politica, sono destinati a produrre la figura di un giudice intimidito, ciò che egli non fu e non intendeva essere”.

“In questo territorio – ha concluso – c’è la necessità di recuperare credibilità, di farlo quotidianamente partendo dal tema delle Istituzioni, di quelle giudiziarie in primo luogo, ma anche di ogni altro profilo che non riguardi soltanto l’Istituzione giudiziaria”.

Fonti verificate: ansa //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.