Spettacoli

Mimmo, Mimino & Mimì, ossia Domenico Modugno


Di:

Domenico Modugno (fonte image: andreaballi)

Bari – IL padre dei cantautori italiani Domenico Modugno, “sfida” il festival di Sanremo. Nella serata conclusiva della 62^ edizione del festival della canzone italiana, sabato 18 alle 23.30, lo storico settimanale di approfondimento TG2 Dossier propone un programma incentrato sulla figura di Mr Volare attraverso la messa in onda del documentario “Mimmo Mimino e Mimì, ossia Domenico Modugno” (durata 45’), scritto da Gianni Torres, diretto da Michele Roppo e Antonella Sibilia, con le musiche originali di Bungaro e Michele Ascolese e le illustrazioni di Giuseppe Laselva.

“Mimmo, Mimino e Mimì, ossia Domenico Modugno”, è uno dei cinque lavori filmici realizzati per la seconda edizione (2010-2011) di “Progetto Memoria”, interamente finanziati e prodotti dall’Apulia Film Commission, in cui giovani filmaker contribuiscono alla ricostruzione dell’identità pugliese del ‘900, attraverso trame narrative che ripercorrono luoghi ed eventi di interesse sociale, culturale, artistico, ovvero storie di personaggi pugliesi, che hanno contribuito in modo pregnante alla definizione della storia della Regione.

In “Mimmo Mimino e Mimì, ossia Domenico Modugno”, per la prima volta si sveleranno in esclusiva i segreti della sua ispirazione musicale che lo portarono ad essere l’italiano più famoso nel mondo.
Si tratta di un’inchiesta mai affrontata prima sull’appartenenza territoriale del padre dei cantautori italiani che ha tanto giocato sull’equivoco delle origini: prima siciliano, poi napoletano, sanpietrano e infine polignanese. Nel presentarsi alla televisione francese Modugno si è perfino inventato un luogo inesistente del messinese indicandolo come suo paese di origine e ha peraltro raccontato di essere figlio di una tribù di zingari. In realtà era un cittadino del mondo con radici profonde nel Sud d’Italia di cui padroneggiava perfettamente i dialetti e le intonazioni.

Era comunque intriso di sicilianità: all’inizio della sua carriera, gli fu affidata da Radio Rai una serie di puntate sulla Sicilia con la partecipazione di sua moglie Franca Gandolfi. Per questa serie di trasmissioni dal titolo “Amuri Amuri” scrisse almeno tre canzoni a settimana, fra le quali la popolarissimo “Lu pisci spada”. Forse anche l’incontro con Frank Sinatra in via Asiago a Roma alimentò l’equivoco del Modugno siciliano. Sinatra infatti lo credeva isolano e nessuno si sentì di contraddirlo. Ma fu anche creduto napoletano grazie ai suoi capolavori paragonabili ai grandi classici partenopei dell’‘800.

Era nato a Polignano a mare nel 1928, cresciuto San Pietro Vernotico, aveva frequentato Napoli e si era trasferito prima a Torino poi a Roma. Modugno è morto a Lampedusa nel 1994, dopo aver chiuso la carriera con una grande riappacificazione con la sua città natale. Nel documentario proposto da TG2 Dossier, amici e parenti svelano dopo anni aneddoti inediti sui primi passi della sua carriera che nacque anche come rivalsa verso lo scetticismo del padre – comandante della polizia municipale- che lo voleva ragioniere.

Redazione Stato

Mimmo, Mimino & Mimì, ossia Domenico Modugno ultima modifica: 2012-02-16T16:19:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Precisazione

    Per precisare:

    Domenico Modugno è morto nel 1994 (non 2004)
    il 6 agosto sull’isola di Lampedusa.


  • Redazione

    Indicazioni rese dall’organizzazione dell’evento, abbiamo provveduto a rettificare. Grazie, RED.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This