Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CALUNNIA Scopre irregolarità su assessore, vigilessa rimossa nel Tarantino

Sindaco Ginosa indagato per calunnia e omissione atti d'ufficio

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
16 Marzo 2024
Cronaca // L'inchiesta //

TARANTO – Una vigilessa in servizio alla polizia locale di Ginosa, in provincia di Taranto, è stata rimossa dopo aver segnalato alcune irregolarità che riguardavano l’assessore alle Finanze Domenico Gigante, accertando la mancata registrazione di un contratto di locazione e l’omesso pagamento della Taranto.

Ne danno notizia alcune testate on line riferendo che per questo episodio sarebbero indagati il sindaco di Ginosa, Vito Parisi (M5s); gli assessori comunali Domenico Gigante e Nicola Piccenna; la comandante della polizia locale Giovanna Ferretti e il suo vice Antonio Costantino che avrebbero ricevuto un avviso di conclusione delle indagini.

Secondo quanto riportato, il sindaco è indagato per calunnia, tentato abuso d’ufficio e omissione di atti d’ufficio.

La pm titolare dell’inchiesta è Rosalba Lopalco.

I fatti contestati risalgono a maggio del 2020. Sulla base di quanto ricostruito, dopo che l’agente aveva evidenziato alcune irregolarità commesse da Gigante, si sarebbe innescato un meccanismo per fermare l’attività della vigilessa che poi fu rimossa dal servizio nel mercato della città e da tutti gli atti afferenti al commercio e all’ambiente, e inviata di pattuglia a Ginosa Marina.

La vigilessa sarebbe stata anche denunciata per sottrazione di fascicoli sul mercato settimanale – procedimento archiviato – e poi perseguitata per “motivi di acredine”, scrive la pm nell’avviso di conclusione indagini, “nutrita non solo dalla comandante della polizia locale, ma soprattutto dal suo vice, Antonio Costantino, in passato destinatario di una informativa di reato firmata anche dalla stessa agente della locale poi vittima di disposizioni di servizio pregiudizievoli”.

Fonti verificate: ANSA //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.