"Pur sforzandoci di comprendere le ragioni per le quali la direttiva della Regione Puglia ha adottato, se ne contesta sia il metodo che il merito"

Chiusura Punto di primo intervento a Vieste e Vico, proteste

Valuteremo nei prossimi giorni, eventuali iniziative con giornate di mobilitazione e manifestazioni di interesse


Di:

”Si apprende con rammarico a mezzo stampa, della chiusura dei Punto di Primo Intervento in Capitanata (Vieste e Vico del Gargano).

Pur sforzandoci di comprendere le ragioni per le quali la direttiva della Regione Puglia ha adottato, se ne contesta sia il metodo che il merito.

Per ciò che attiene il metodo, registriamo che alla chiusura non si è provveduto alla contestuale apertura di altri servizi alternativi, utili a garantire ai cittadini e utenti un’assistenza territoriale.

Nel merito, è appena il caso di far rilevare che il Comune di Vieste, ha quantificato verosimilmente circa 16000 accessi annui, oltre a risultare Comune “disagiato” e a fortissima “vocazione turistica”.

Mentre per il comune di Vico del Gargano, non ci si può esimere, nel non tenere conto che è un territorio che ha problemi gravissimi di viabilità, oltre anch’esso interessato dalle tante presenze turistiche.

Il nostro giudizio politico-sindacale su questo tipo di operazione è molto critico. E’ da tempo che assistiamo a chiusure e mancate conversioni, oltre a potenziamenti di assistenza territoriale per le quali non è stato mai dato seguito.

Concludiamo, che ai nostri occhi, appare solo ed esclusivamente una mera operazione ragionieristica fatta di ulteriori tagli, senza aver predisposto in maniera contestuale
l’ attivazione di ulteriori servizi per i cittadini e utenti dei centri periferici della Capitanata.

Valuteremo nei prossimi giorni, eventuali iniziative con giornate di mobilitazione e manifestazioni di interesse”.

Segretario Territoriale FP CGIL Segretario Generale FP CGIL
Angelo Ricucci Mario La Vecchia

Chiusura Punto di primo intervento a Vieste e Vico, proteste ultima modifica: 2018-04-16T09:08:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This