Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

FIGLIA Omicidio Michelle Causo, i genitori: “Ha ucciso nostra figlia ma dal carcere va su Instagram”

I genitori di Michelle hanno espresso pubblicamente il loro sconcerto e la loro disperazione nel vedere l'assassino della loro figlia

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
16 Giugno 2024
Prima pagina //

Nel pieno di una controversia che ha scosso la comunità locale, l’omicidio di Michelle Causo ha lasciato una cicatrice indelebile nella vita dei suoi cari. Tuttavia, il dolore dei genitori si è trasformato in sconcerto quando hanno scoperto che l’assassino della loro figlia, pur recluso in carcere, ha mantenuto una presenza attiva sui social media, in particolare su Instagram. Questo ha sollevato domande sulla gestione delle comunicazioni e dei diritti dei detenuti, oltre che sull’impatto psicologico devastante per le vittime e i loro familiari.

Michelle Causo, una giovane promettente, è stata tragicamente uccisa in circostanze ancora avvolte nel mistero. Il suo omicidio ha scatenato un’ondata di dolore e rabbia tra i suoi cari, che hanno lottato per trovare risposte e giustizia. Tuttavia, la scoperta che l’assassino della giovane continua a interagire con il mondo esterno tramite i social media ha aggiunto un nuovo strato di angoscia e frustrazione alla loro esperienza.

I genitori di Michelle hanno espresso pubblicamente il loro sconcerto e la loro disperazione nel vedere l’assassino della loro figlia, incarcerato per il suo omicidio, mantenere una presenza attiva sui social media. Hanno sottolineato come questa situazione non solo li abbia profondamente feriti nel loro processo di lutto, ma abbia anche sollevato interrogativi sui diritti dei detenuti e sulle politiche di gestione carceraria.

La presenza sui social media di detenuti: una pratica controversa

Il caso di Michelle Causo non è unico nel sollevare preoccupazioni riguardo alla gestione delle comunicazioni dei detenuti. In molti paesi, l’accesso ai social media dai detenuti è regolato da specifiche politiche carcerarie, progettate per bilanciare la punizione con il rispetto dei diritti umani fondamentali. Tuttavia, casi come questo mettono in luce le sfide nel controllare e regolare l’uso dei social media da parte dei detenuti, specialmente quando tali interazioni possono infliggere ulteriore sofferenza alle vittime e ai loro familiari.

Le implicazioni psicologiche e sociali

L’accesso dei detenuti ai social media può avere implicazioni significative sul benessere emotivo delle vittime e dei loro cari. La visibilità online dell’assassino può alimentare sentimenti di rabbia, frustrazione e impotenza tra coloro che sono stati colpiti dalla perdita di una persona cara. Inoltre, può sollevare domande sulla rieducazione e sulla riforma dei detenuti, poiché l’uso dei social media potrebbe riflettere un approccio alla punizione che non sempre mira alla responsabilità e al pentimento.

Le risposte delle autorità e delle istituzioni carcerarie

Di fronte a casi come quello di Michelle Causo, le autorità carcerarie sono chiamate a esaminare attentamente le politiche esistenti e ad adottare misure più rigorose per controllare l’uso dei social media da parte dei detenuti. La trasparenza e l’efficacia nella gestione delle comunicazioni dei detenuti sono cruciali per garantire la giustizia e il rispetto dei diritti delle vittime.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.