Foggia

Sannicandro: Nuovo Zuccherificio Termoli, salvare occupati


Di:

Foggia – “LA direzione del Nuovo Zuccherificio di Termoli sembrerebbe non voler procedere con la campagna saccarifera 2014. Se confermata la decisione sarebbe gravissima di conseguenze per gli oltre 200 bieticoltori pugliesi della Provincia di Foggia che, sulla base di inequivocabili intese con la direzione dello stabilimento, avevano seminato a barbabietola da zucchero ben 4.000 ettari di terreni situati in Capitanata. Sono dell’opinione che questa vicenda debba essere affrontata direttamente ai tavoli del Ministero delle Politiche agricole, con il coinvolgimento diretto del Ministro Maurizio Martina, perchè le conseguenze per il territorio foggiano sarebbero pesantissime, sia dal punto di vista sociale che economico.” Lo dice in una nota l’onorevole Arcangelo Sannicandro.

“I produttori di barbabietola da zucchero, infatti, non soltanto dovrebbero sopportare una pesantissima riduzione del proprio reddito, ma dovrebbero anche accollarsi i costi di smaltimento del prodotto non venduto. La direzione del Nuovo Zuccherificio di Termoli non può quindi tirarsi indietro, dopo aver garantito ai produttori il ritiro delle barbabietole. Mi auguro quindi, insieme ad un tempestivo e doveroso intervento degli Assessorati regionali all’Agricoltura delle Regioni Puglia e Molise, un analogo e deciso intervento del Ministero, la cui struttura dovrà trovare individuare soluzioni capaci di garantire il conferimento del raccolto allo stabilimento, ed il conseguente pagamento del prodotto ai bieticoltori”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Sannicandro: Nuovo Zuccherificio Termoli, salvare occupati ultima modifica: 2014-07-16T19:17:28+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This