Edizione n° 5397

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Caro-benzina, allo Stato 2,2 miliardi da esodo e controesodo

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
16 Agosto 2023
Cronaca // Economia //

Il costo della benzina continua a salire, creando un impatto evidente durante il flusso estivo di viaggiatori, sia nell’andata che nel ritorno.

Questo fenomeno ha portato a un’analisi di come lo Stato possa beneficiare di questa situazione, grazie all’accumulo di entrate da accise e IVA, stimato in 2,27 miliardi di euro. Si presume che, considerando una flotta di circa 15 milioni di veicoli a benzina e diesel circolanti sulle autostrade, con una media di tre rifornimenti per ciascun viaggio e il conseguente ritorno, lo Stato potrebbe raccogliere questa somma attraverso la tassazione sui carburanti.

Questo si suddividerebbe in 1,513 miliardi di euro dalle accise e 762,75 milioni di euro dall’IVA, rappresentando la media delle tasse sui carburanti.

L’associazione dei consumatori, Assoutenti, ha espresso preoccupazione riguardo a questa situazione, chiedendo al governo di intervenire immediatamente. Tuttavia, sono emerse divergenze riguardo alla validità dei nuovi cartelloni con i prezzi medi dei carburanti.

Secondo il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, il prezzo industriale della benzina, una volta sottratto l’effetto delle accise, risulta essere inferiore rispetto ad altri Paesi europei come Francia, Spagna e Germania. Questo ha portato Urso a respingere l’idea che i prezzi dei carburanti siano incontrollabili, affermando che in realtà l’Italia si sta comportando meglio di altre nazioni europee in questo senso.

Il ministro ha sottolineato che la misura di esporre i prezzi medi regionali dei carburanti è stata efficace nel contrastare la speculazione, fornendo trasparenza ai consumatori e consentendo loro di fare scelte informate.

Tuttavia, ha anche notato con sorpresa che alcuni critici sembrano essere contrari persino a questa forma di trasparenza. Urso ha sollevato il quesito se questi critici siano contrari alla stessa trasparenza.

L’associazione dei gestori degli impianti della Fegica ha preso posizione contro la misura, affermando che i prezzi medi comunicati dal governo non sono riusciti a contrastare gli aumenti derivanti dalla crescita dei mercati internazionali dei carburanti. Secondo loro, questa misura non solo è inefficace ma potrebbe anche essere dannosa.

La Fegica ha sottolineato la necessità di una riforma strutturale nel settore dei carburanti e ha criticato l’inclusione da parte del governo di una clausola di “taglia accise” legata a un livello di prezzo ritenuto troppo elevato per la situazione di emergenza attuale.

Essi hanno invitato il governo a prendere sul serio la possibilità di rivedere la tassazione dei carburanti, anche se solo temporaneamente, e a assumersi la piena responsabilità delle proprie decisioni, senza cercare di scaricare la colpa su altri attori. In conclusione, sia il ministro Urso che l’associazione Fegica hanno condiviso le loro prospettive contrastanti sulla questione, dimostrando l’ampia gamma di opinioni su questo tema rilevante.

Lascia un commento

“Non tutto ciò che viene affrontato può essere cambiato, ma niente può essere cambiato finché non viene affrontato.” JAMES ARTHUR BALDWIN

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.