Edizione n° 5265
/ Edizione n° 5265

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Briganti, ordinarie storie di miseria

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
16 Novembre 2009
Cultura //

brigantaggio_luceraLucera – LA storia dei briganti ha origini antichissime, già al tempo dei romani , venne istituito un corpo di soldati, specializzato alla caccia e alla repressione del brigantaggio. Il brigantaggio ha interessato tutti gli stati italiani (pre – unitari). La causa principale è stata la miseria,gli stenti, la malaria,la carestia  e i soprusi dei vari signorotti locali che affamavano maggiormente i contadini e il popolo tutto. Per questo, non era difficile che alcuni di essi decidessero di guadagnarsi da vivere,assaltando le carrozze e le diligenze. La loro attività era diversificata,ci si specializzava o nei rapimenti ai fini di riscatto,o agli assalti dei convogli e diligenze per rapina,o agli assassini su commissione, fino a condire tutto ciò con incendi,furti di bestiame,stupri e violazione di conventi. Il loro habitat naturale era il bosco dove esplicavano la loro delinquenziale attività. Queste bande avevano il loro covo nelle grotte naturali esistenti sul territorio oppure avvalendosi di  coperture omertose,  degli abitanti dei vari paesi limitrofi. Nei vari stati,soprattutto nel Regno di Napoli e nello Stato pontificio,il boia esplicava la sua attività a ritmo serrato, per dar fine e morte certa, a tantissimi briganti, che catturati , prontamente venivano condannati alla pena capitale. All’unità d’Italia ,i briganti non ebbero vita facile, perché il nuovo Regno, usò fortemente il pugno di ferro per eliminare questa piaga con l’esercito e con i carabinieri o con taglie in denaro consistenti sui vari capo banda. Il brigante aveva un vestiario tutto suo,indossava una giacchetta attillata,calzoni al ginocchio con strisce di cuoio dai polpacci alla  caviglia,stivali  o ghette ai piedi,mantellaccio corto,in testa un cappello a cono(alla calabrese)con piuma. Intorno al collo portava catene,scapolari o immagini sacre di cui chiedeva la protezione. Le loro armi consistevano in schioppi, doppiette, pistole e coltelli alla cintura. Molti briganti diventarono tanto famosi, da essere considerati dei e propri Robin Hood (togliere ai ricchi e dare ai poveri). Il brigantaggio durò fino alle soglie del ‘900. Oggi il brigantaggio ha preso altri nomi,ma continua a lasciare la sua scia di soprusi e di sangue.

Lascia un commento

“Comincia a vivere subito e considera ogni giorno come una vita a sé”. (Lucio Anneo Seneca)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.