Teatro

Manfredonia, ‘una splendida mostra collettiva’


Di:

Arte-immagine d'archivio, mostra Genova 'trepieces'

Arte-immagine d'archivio, mostra Genova 'trepieces'

Manfredonia – ANCORA in fase di presentazione, in questi giorni festivi, e fino al prossimo 20 dicembre, la mostra cittadina ‘collettività d’arte’. L’esposizione dei quadri è stata adibita in corso Manfredi numero 184. Già da alcuni giorni si è intravista una notevole partecipazione di visitatori. E’ certamente piacevole ammirare le opere proposte dai vari espositori senza avere dentro quello ‘snobismo’ che fa sicuramente smarrire il senso dell’arte e la pura capacità del godere estetico. E’ stato anche interessante vedere il pubblico percorrere la galleria senza alcun catalogo in mano e nella ricerca ansiosa del numero di ogni opera. Astrazione pittoriche e scultoree in legno, in metallo, in seta e in pietra, in corallo ed altro, sono state sfruttate in modo caratteristico per offrire ‘guizzi di sorprese’ fatte di sola bellezza per la vista ed il tatto. Nell’esposizione di corso Manfredi si offrono numerosi artisti che evocano forme espressive e figurative piene di un vivace senso della luce senza dimenticare la straordinaria e sicura qualità delle singole fatture. Tutti sembrano procedere nei loro lavori di pari passo con dovuta scienza e collaudata tecnica, senza per questo perdere mai il senso delle proporzioni, della spontaneità e della individualità. Le opere sono sicuramente anche il frutto di mani esperte che si battono contro un antiquato convenzionalismo borghese e tendono nella loro semplicità a ‘soddisfare pienamente’ il gusto estetico del visitatore fino a sbalordire. Si individua nella maggior parte degli espositori degli appartenenti della ‘Art nouveau’, seguaci di non precisati canoni estetici, liberi di inventare senza confine. Questa particolare espressione d’arte moderna ci porterà sicuramente a liberarci, a breve scadenza, di molto oggetti superflui di cui sono piene le nostre città e le nostre case. Si spera che, ancora più in là, questi artisti vogliano beneficiarsi e proporci, sulla stessa scia, altre opere così belle da ammirare.

Nomi degli espositori: Patrizia Affatato di Foggia. Orafo che realizza gioielli in argento, onice, corallo, turchese, legno e materiale di riciclaggio. Gilda Ariostino di Foggia. Scenografa per il ‘teatro del fuoco’ e per il ‘teatro regio di Capitanata’. Decoratrice ed intagliatrice del legno con creazione di oggetti favolosi. Hermann Ariostino di Foggia. Scultore di materiale bronzeo, con metodo a cannello e creatore di quadri a sbalzo. Presente con uan mostra personale, nel 2009, alla Provincia di Foggia. Tiziana Buontempo di Carapelle. Docente di scenografia e di storia dell’arte. Giovanna Cassa di Manfredonia. Diplomata che partecipa con creazione di ‘filet’ e con altri disegni originali. Ha realizzato le tende della chiesa di San Giuseppe a Manfredonia. Si è segnalata in numerose mostre collettive ed in concorsi specifici, come il premio ‘Arpi’. Michela Cassa di Manfredonia: si è affermata per alcuni quadri ad olio sulla nostra città e per aver partecipato alla biennale internazionale museo d’arte contemporanea a Musummano Terme (Pt); Silvano Di Carlo di Foggia. Lavora su dipinti multimaterici. Ivo Ignelzi di Troia. Diplomato nel 1969 presso l’istituto d’arte di Foggia come ‘maestro d’arte’, nel 1974 diplomato presso l’accademia delle Belle Arti di Foggia, in scenografia cinematografica. Docente di disegno e storia dell’arte presso il liceo scientifico Volta di Foggia. Vittorio Marchiesiello di Foggia. Laureato in archeologia e cultore di arti pittoriche. Autore di pregevoli pubblicazioni, come ‘Quel magnifico palazzo. La residenza federiciana’ del 1978; Angela Mastropiero di Carapelle. Pittrice ed organizzatrice di numerose manifestazioni artistiche; Michele M. Pernice di Foggia: scultore di materiale bronzeo e cotto patinato. Michele Prota di Manfredonia, pittore su stoffa e velluti. Antonella Purgante, pittrice con laurea di accademia di belle arti, ed iscritta al biennio di specialistica grafica; Tiso Cosimo di Ascoli Satriano, pittore su carta di tipo pergamena, insegnante di educazione artistica nelle scuole medie-inferiori.

Manfredonia, ‘una splendida mostra collettiva’ ultima modifica: 2009-12-16T00:20:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This