Capitanata
Sono passati solo pochi giorni dall'annuncio del sindaco della sua adesione al partito della Meloni

Orta Nova. Polemiche e nuovi dissensi contro Tarantino

Il consigliere Vece insiste quindi nel tentativo di fare chiarezza su quale sarebbe stata la linea assunta dall'Amministrazione Tarantino fin dal 2014 a seguito delle elezioni amministrative di quell'anno


Di:

Orta Nova. Sono passati solo pochi giorni dall’annuncio del sindaco Tarantino della sua adesione al partito della Meloni, Fratelli d’Italia. Ma nel frattempo sono piovute polemiche e dissensi da più fronti verso l’operato del medico ortese e della sua Amministrazione.

A circa quattro anni dalla elezione dell’attuale amministrazione comunale stiamo assistendo ad una involuzione sotto ogni fronte della nostra città: la mala gestione dei rifiuti solidi urbani, l’affidamento di incarichi ai soliti studi tecnici e l’attuazione di provvedimenti senza una reale programmazione, che dimostra come questa maggioranza navighi a vista”. Con queste parole si è espressa nella serata del 16 gennaio la sezione locale di Forza Italia che ha poi aggiunto. “Fa riflettere l’intervista rilasciata dal Sindaco ai blog locali, in cui Tarantino, annunciando la sua adesione a Fratelli d’Italia, palesa alcune amnesie nel corso della sua vita politica. Non ci risulta una attivissima e longeva militanza nella destra nazionale, se non in prossimità delle elezioni che lo videro vice del Sindaco Moscarella, all’epoca detentore della destra in Orta Nova. Bisognerebbe invece ricordare a Tarantino e a tutti gli attuali dirigenti di Fratelli d’Italia che, nel 2014, l’attuale sindaco ebbe l’onore di sedere al consiglio provinciale grazie ai voti di Forza Italia poiché candidato nella lista di partito, sebbene lo stesso era stato eletto con una maggioranza multicolore che, alle successive regionali, appoggiò il candidato emiliano del Partito democratico”.

E quindi l’affondo, nel comunicato, arriva quasi immancabile e perentorio nei toni di una dichiarazione di intenti “Siamo consapevoli che l’unione fa la forza, ma rimaniamo dell’avviso che, se dovessero permanere le attuali condizioni di gestione squilibrata tarantiniana, non ci saranno i presupposti per fare accordi o coalizioni con chi, nel corso della sua carriera politica, ha utilizzato il simbolo di Forza Italia per raggiungere solamente i propri scopi e le proprie ambizioni personali”.
Non di certo più clemente risulta essere la posizione assunta dal consigliere comunale di opposizione, Antonio Vece per l’UdC, il cui intervento, diffuso sulla sua pagina Facebook, prende le mosse dall’episodio del video-denuncia condiviso sul social network poc’anzi menzionato. Il video di certo Giuseppe Chiavuzzo con cui quest’ultimo esprimeva la sua richiesta di una maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione locale verso i dissesti che caratterizzano le strade locali.
“Nell’esprimere tutta la mia solidarietà al concittadino Giuseppe Chiavuzzo per il simpatico video girato e postato sul web” afferma Vece “colgo l’occasione per replicare al comunicato stampa pubblicato da questa amministrazione” [comunicato con cui l’Amministrativa rendeva note le misure già messe in atto rispetto alla richiesta del Chiavuzzo, ndr.].

“Innanzitutto, è esagerato sostenere che negli ultimi venti anni nulla è stato fatto per la manutenzione di strade e marciapiedi. [Nel comunicato l’Amministrazione sosteneva che provvedimenti finalizzati alla riqualificazione del manto stradale urbano non erano mai stati presi da altre Amministrazione negli ultimi vent’anni, ndr.].

“Ricordo” continua il consigliere comunale di opposizione “che nel giugno 2002, l’ultima amministrazione Moscarella, in cui il sottoscritto rivestiva la carica di consigliere comunale, ha lasciato questo paese in un buono stato di salute, sia dal punto di vista finanziario sia manutentivo. Non solo, ricordo che se è vero che negli ultimi anni nessuna amministrazione ‘ha mai badato alla manutenzione ordinaria del manto stradale né mai si è preoccupata delle gravi conseguenze che questo comportamento avrebbe prodotto sulla viabilità urbana determinando danni a veicoli e provocando infortuni accidentali tra i pedoni’ [come recita il comunicato citato, ndr.] è anche vero che nel periodo 2006-2011 l’attuale sindaco Tarantino ha gestito il comune ricoprendo la carica di vicesindaco e che da giugno 2014 ricopre la carica di sindaco, PER UN TOTALE DI BEN 9 ANNI SUGLI ULTIMI 15. Quindi di chi è la responsabilità? Ritengo che sia in gran parte imputabile a chi scrive questi comunicati.

Vista la necessità e la priorità di questi interventi, perché solo a fine legislatura pensate di spendere circa 380 mila euro per la sistemazione di strade e marciapiedi?”.

Il consigliere Vece insiste quindi nel tentativo di fare chiarezza su quale sarebbe stata la linea assunta dall’Amministrazione Tarantino fin dal 2014 a seguito delle elezioni amministrative di quell’anno.

“Appena insediatasi, tale amministrazione ha ereditato dall’amministrazione precedente (Calvio) un avanzo di amministrazione di circa 850 mila euro. Inizialmente, si era deciso, con una variazione di bilancio nel novembre 2014, di spendere parte di queste somme (circa 250 mila) per la costruzione di nuovi loculi cimiteriali, la restante somma doveva servire per dare una sistemata all’intera città. Nulla di tutto questo è stato realizzato. Vi chiedo, se mai ne avrete il coraggio, di rispondere in modo dettagliato circa il modo in cui sono state spese tali somme. Io ritengo in progetti farlocchi, come RSSA, dissuasori, ricorsi inutili con pagamento di parcelle esorbitanti, per non parlare degli interventi tampone agli errori di progetti degli amici (vedi canali). Questo vostro modo di fare vi ha resi ciechi e sordi di fronte alle richieste dell’intera collettività. E oggi tirate in ballo anche la burocrazia!”.

Le conclusioni dell’intervento di Vece sono quindi le seguenti “Ritengo che un’amministrazione che si rispetti e che tenga al proprio paese e ai propri concittadini debba mettere in atto prima tutti quei progetti promessi e quegli adempimenti che interessano direttamente l’intera collettività per realizzare poi in tempi brevi le opere.

A mio avviso avete fatto delle scelte politiche sbagliate, spendendo denaro pubblico come degli irresponsabili. LA SITUAZIONE ATTUALE È DA ADDEBITARE SOLO A VOI AMMINISTRATORI TUTTI, NESSUNO ESCLUSO.”
E non mancano riserve e rimostranze da parte di un altro consigliere di opposizione, Lorenzo Annese per i Riformisti che posta sul suo profilo Facebook ” In questi giorni l’Ufficio Tributi del Comune di Orta Nova è assediato da centinaia di cittadini che stanno protestando per gli inviti a pagamento ricevuti, riguardanti la TARSU ( Tassa rifiuti solidi Urbani) dell’anno 2012, con “sanzioni ed interessi di mora”.

Le centinaia di persone arrabbiate, sono coloro che hanno pagato all’epoca dei fatti ad una posta privata, ormai chiusa, e che il titolare non versò le somme ricevute dai cittadini nelle casse del Comune.

[…]Non si placa ancora la questione della TA.RI 2017, dove i conti, a quanto pare non tornano, e, si dovrebbe dare indietro ai cittadini la differenza tra il PEF 2017 preventivato ed il ‘reale costo di esercizio del servizio rifiuti 2017’.

Inoltre, c’è il problema della doppia tassazione della ‘quota variabile’ sulle pertinenze ( Garage, Box, Cantinole) negli anni 2014,2015 e 2016, che il Comune deve rimborsare a quei contribuenti proprietari di pertinenze che ne fanno richiesta.

[…]In questi tre anni e mezzo di Amministrazione Tarantino, è palese e macroscopica, la superficialità con cui hanno diretto “politicamente ed amministrativamente” l’Ufficio Tributi del Comune, rimasto anche con pochissimi dipendenti. Un Ufficio di vitale importanza lasciato allo sbando totale, senza una visione politica del Servizio Tributi, che incassa dai cittadini Ortesi la modica somma di EURO 6.500.000,00 ( Tredici miliardi di vecchie lire) tra, Imposte, Tasse e Proventi assimilati.”

A cura di Daniela Iannuzzi

Orta Nova. Polemiche e nuovi dissensi contro Tarantino ultima modifica: 2018-01-17T09:19:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This