Edizione n° 5378

BALLON D'ESSAI

PRIMA DONNA // Lidya Colangelo: “Grazie San Severo, sono grata a tutti voi”
25 Giugno 2024 - ore  17:54

CALEMBOUR

FRODE // Cpr Milano: chiesto il processo per 2 persone e una società
25 Giugno 2024 - ore  17:18

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Foggia, Cesa: senza UdC Paese si sarebbe sfaldato

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
17 Febbraio 2013
Politica //

Lorenzo Cesa e Angelo Cera (statoquotidiano@)
Foggia – “SE questo Paese è ancora unito lo si deve all’Udc; da soli abbiamo contestato e smontato il falso federalismo della Lega che voleva sfasciare il Paese. Qualche giorno fa Maroni ha proposto di trattenere il 75% delle tasse al nord, e sento Zaia dire basta sud, basta Roma: mi chiedo con che faccia il Pdl alleato con la Lega si presenti nel Mezzogiorno e come la gente del sud possa ancora votare il centrodestra”. Lo ha detto il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa durante la sua visita in Capitanata svolta sabato scorso. Il massimo esponente dello scudocrociato ha fatto tappa ad Apricena, Lucera, Foggia e Cerignola, accompagnato dal segretario regionale Angelo Sanza e dal segretario provinciale Angelo Cera. “Sono orgoglioso di avere come numero uno in questa regione Angelo Cera (visto che io sono candidato anche in altre regioni) – ha spiegato Lorenzo Cesa -, che voglio ringraziare per le battaglie parlamentari a difesa del suo territorio e dell’intera Puglia. Se non avessimo difeso noi il Mezzogiorno in Parlamento dagli appetiti della Lega, ci sarebbero stati problemi ancora più grossi nelle regioni meridionali. Nonostante Berlusconi nel 2008 ha tentato di farci scomparire dalla scena politica, nel 2011 siamo riusciti a mandarlo a casa. Io e Casini – ha fatto sapere il segretario nazionale dell’Unione di Centro – nell’autunno scorso venivamo avvicinati dai rappresentanti degli altri Paesi del Partito popolare europeo che ci dicevano che l’Italia era sull’orlo di un precipizio, e siamo orgogliosi del lavoro fatto in questi 13 mesi, a cominciare dalla riforma della previdenza che consentirà anche ai nostri figli di avere la pensione”. Anche Angelo Sanza ha sottolineato il lavoro svolto dal governo tecnico in questo ultimo anno. “Dobbiamo continuare ad essere la storia buona di questo paese – ha detto il segretario regionale – continuando con quel grande lavoro parlamentare che è stato fatto da gente come Angelo Cera che merita la riconferma perché si spende molto per il suo territorio”. Proprio il parlamentare uscente dell’Udc di Capitanata ha detto a chiare lettere che l’Unione di Centro della provincia di Foggia è la prima in Italia “grazie al lavoro che ogni giorno viene svolto nei vari territori. Pur non avendo la potenzialità per acquistare spazi sulle testate e i giornali, sono ottimista in vista delle elezioni. Noi non abbiamo paura di scendere in piazza a parlare con la gente, visto che da tanti anni abbiamo scelto di stare all’opposizione rispetto ad un duopolio che ha portato al fallimento l’Italia. Già cinque anni fa – ha sottolineato Angelo Cera – hanno tentato di farci sparire, parlando di voto utile, e l’Udc avrebbe potuto giovare dei disastri fatti dal centrodestra, ma responsabilmente abbiamo fatto notare che il Paese era in una situazione critica e occorreva un nuovo corso per risollevarsi, per scongiurare il fallimento”.

Senza il porcellum – ha dichiarato il sindaco di San Marco in Lamis – molti partiti sarebbero andati in difficoltà, ed ora criticano l’azione di un governo tecnico sostenuto anche da Pd e Pdl. Con quale coraggio il centrodestra continua a fare promesse sullo sviluppo del Mezzogiorno se ha scelto di allearsi ancora con la Lega Nord? – si è chiesto Angelo Cera -. Quasi tutti i leader di partiti sono del nord, da Bersani a Berlusconi, e spesso decidono loro quanto il sud debba essere rappresentato a Roma. Un tempo la provincia di Foggia eleggeva una decina di parlamentari, mentre oggi il numero si è dimezzato”.


Redazione Stato

Lascia un commento

In ogni paese c’è una orrenda casa moderna. L’ha progettata un geometra, figlio del sindaco. (Dino Risi)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.