Edizione n° 5253

BALLON D'ESSAI

TRUFFA // Ferragni, casi Oreo e Dolci Preziosi: acquisiti nuovi documenti
21 Febbraio 2024 - ore  19:29

CALEMBOUR

CLANDESTINI // Salento, ha una relazione clandestina con la zia ma lei lo denuncia dopo essere stata lasciata: “Mi ha costretta”
21 Febbraio 2024 - ore  10:01
/ Edizione n° 5253

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Wi-Fi pericoloso? Esperti confermano: “Nessun rischio”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
17 Aprile 2015
Scienza e Tecnologia //

ORMAI da un po’ di tempo il web ha avanzato l’ipotesi di un’ipotetica pericolosità che le reti wireless Wi-Fi potrebbero rappresentare nei confronti dell’uomo a causa dell’esposizione del corpo ai campi elettromagnetici (danni  irreversibili al cervello, malformazioni, aborti spontanei, tumori). Ma, come spesso accade, vengono pubblicati testi con titoli sensazionalistici e contenuti privi di argomentazioni scientifiche.

La tecnologia Wi-Fi è tra le più diffuse per connettere tra loro dispositivi di diverse tipologie: computer, tablet, smartphone, e-book reader, stampanti, smart TV e tanto altro. La scienza dei campi elettromagnetici ha dimostrato che essi sono in grado di penetrare nel corpo umano, ma con una capacità di penetrazione molto bassa quando si tratta di alte frequenze come possono essere quelle dei segnali Wi-Fi.

L’ICNIRP (Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti) da anni sta portando avanti una revisione critica della letteratura scientifica, prodotta sia da gruppi afferenti ai Programmi Quadro della UE, sia da gruppi indipendenti, prestando attenzione alle considerazioni emerse in merito agli apparati Wi-Fi.

In questo importante documento gli scienziati affermano che i dati epidemiologici sui possibili effetti dell’esposizione cronica a corpo intero ai campi elettromagnetici a radiofrequenza emessi da apparati lontani dal corpo (stazioni radiobase, access point Wi-Fi) sono poco significativi e non rivelano alcun effetto sulla salute derivante da questa tipologia di esposizioni.

“Tanti articoli bufala citano studi che non sono stati scientificamente provati”. E’ quanto spiega in un’intervista a Close-up Engineering il prof. Antonio Capone del Dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano. “Per quanto riguarda l’esposizione ai campi elettromagnetici, non è stato rilevato alcun effetto sul corpo umano se non l’aumento di temperatura. Ma si parla di esposizioni ad elevati campi come ad esempio quello prodotto dai sistemi cellulari. Ma anche in questo caso si deve tener conto che si parla di livelli di potenza di 1 Watt per i cellulari e di qualche decina di Watt per le torri radiomobili (in Italia i limiti sono più bassi rispetto alla media internazionale).

A ciò si aggiunge anche che è una tecnologia che emette solo quando c’è trasmissione (ad esempio il download di un file). Un fattore da tenere conto è, tra l’altro, che la quantità di onde assorbite dipende dalla distanza dalla sorgente. Basterebbe allontanarsi di un paio di metri dalla sorgente per avere un abbattimento dei livelli di esposizione. E’ esattamente lo stesso motivo per cui  i nostri genitori ci dicevano di tenerci lontani almeno 2-3 metri dalle vecchie TV a tubo catodico”.

Di recente sono sorti anche dubbi in merito all’installazione di sistemi Wi-Fi nelle scuole elementari. Ma anche in questo caso, i limiti di esposizione sono bassissimi e gli access point sono sempre posizionati a grande distanza (sotto il soffitto, a qualche metro di altezza).

In conclusione, si tratta di una tecnologia low cost, che non ha motivo di essere attaccata e per la quale non c’è e non deve esserci alcuna preoccupazione.

A cura di Raffaele Salvemini – raffaele.salvemini@live.it

1 commento su "Wi-Fi pericoloso? Esperti confermano: “Nessun rischio”"

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.