Manfredonia
Consegna di 76 reperti a referenti della Soprintendenza

Santo Spiriticchio-Energas Gpl: ritrovamento reperti archeologici (F-V)

Il prossimo sopralluogo potrebbe far emergere nuovi risultati relativamente alla realtà archeologica/paesaggistica del tenimento


Di:

Manfredonia, 17 aprile 2018. “Il giorno 17 aprile 2018, alle ore 9.00, tra il Caons, rappresentato dall’ing. Matteo Starace e la Sopraintendenza Archeologica delle Belle Arti e Paesaggio della Provincia di Barletta-Andria-Trani e Foggia, rappresentata dalla dott.ssa Donatella Pian e dal dott. Italo Muntani, in località Santo Spiriticchio è avvenuta la consegna di 76 reperti ceramici”.

E’ parte di quanto contenuto nel verbale che i rappresentati Caons di Manfredonia hanno consegnato stamani ai rappresentati della Sopraintendenza.

Come detto, la consegna è avvenuta in località Santo Spiriticchio, in un’area sulla quale l’Energas SpA di Napoli ha proposto l’installazione di un deposito di gpl.

Video


Al documento indicata è stata opportunamente aggiunta su richiesta dell’assessora all’Ambiente del Comune di Manfredonia Innocenza Starace una nota a piè di pagina: “…si ritiene opportuno un sopralluogo-ispezione congiunto al fine di verificare la presenza sull’area di reperti archeologici, onde valutare l’assoggettabilità a vincolo dell’area, nel contraddittorio con i proprietari dell’area stessa. I rappresentanti della sopraintendenza prendono atto e si riservano ogni determinazione.”

I rappresentati Caons ancora una volta sostengono, questa volta provando con reperti alla mano, quanto già sostenuto tempo fa: “La zona di S. Spiriticchio, su cui ora l’Energas vuole installare un impianto di stoccaggio di GPL, è classificata come uno dei più importanti siti della Daunia che hanno restituito materiale ceramico dell’Eneolitico oltreché ad essere, così come scrive la Delano Smith, state rilevate tracce d’una strada romana nei pressi di masseria S. Spirito. Strada che avrebbe collegato sia l’interno del Tavoliere e Barletta, che la via costiera a Sud fino al Candelaro.”

La zona interessata rappresenta un importante sito archeologico e paesaggistico da preservare secondo quanto già esposto in una nota del Mibact del 27-01-2000 con cui si esprimeva parere contrario al progetto di installazione di deposito di GPL-Energas in quanto: “l’opera comporta ingenti movimenti di terra e scavi per le fondazioni dei serbatoi dei tumuli e dei corpi di fabbrica a servizio delle attività.”

La dott. Mazzotta, archeologa incaricata dall’Energas per valutare l’impatto ambientale del gasdotto previsto in zona Santo Spiriticchio, dopo una ricognizione accurata ha affermato: “che nessun reperto archeologico in ceramica è stato rinvenuto (ma si riferiva alla zona di Siponto,ndr) ma solo frammenti ceramici acromi, molto fluitati e di piccole dimensioni (max due centimetri)”; ricognizione evidentemente da riscontrare e confrontare con quello che oggi è stato consegnato ufficialmente ai rappresentati della Sopraintendenza, dott.ssa Pian e dott. Muntani.

Il prossimo sopralluogo potrebbe far emergere nuovi risultati relativamente alla realtà archeologica/paesaggistica del tenimento situato in zona Santo Spiriticchio, alla luce del quale dovranno esprimersi gli esperti e i rappresentanti delle parti di settore presenti anche oggi.

A cura di Libera Maria Ciociola,
Manfredonia 17 aprile 2018

FOCUS DEPOSITO COSTIERO GPL ENERGAS MANFREDONIA
fotogallery

FOTOGALLERY

fotogallery antonio troiano

fotogallery

Santo Spiriticchio-Energas Gpl: ritrovamento reperti archeologici (F-V) ultima modifica: 2018-04-17T13:30:21+00:00 da Libera Maria Ciociola



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Manfredoniano

  • Il gas della TAP,l’industria automobilistica che è indirizzata sull’elettrico e noi dovremmo sobbarcarci una energas che fra qualche anno chiuderà perchè inutile tecnicamente?.Non basta lo scempio che abbiamo già subito?.


  • IPPIT

    Sicuramente il dott. Menale dirà che tutti quei pezzi ceramici sono stati fluitati dalle montagne e che si trovano lì per caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This