Capitanata

Edilizia, San Severo allo stremo, Lunetta: appalto taglia posti


Di:

Protesta edili

San Severo – Se da un lato l’edilizia illegale non conosce crisi, citando l’ultimo rapporto sulle Ecomafie presentato, stamani da Legambiente, quella in regola è allo stremo. Per “Anaepa Confartigianato”, nel 2012 sono stati persi 81 mila posti di lavoro nel settore. Crollano le compravendite immobiliari, mentre i tempi di pagamento da parte dei committenti continuano a mantenersi nella media, dei 180 giorni.

E’ allo stremo, la città di San Severo: uno dei tanti Comuni dove è esplosa la protesta degli ex lavoratori del settore costruzioni. Nel solo comune capofila dell’Alto Tavoliere, si contano oltre 2000 disoccupati di comparto. Una volta resi esecutivi gli sfratti, molti lamentano, che a giorni non avranno più nemmeno una casa. Non hanno più denaro per pagare acqua, luce, e gas. Diversi hanno un precario allacciamento al gestore telefonico di turno solo per ricevere le chiamate.

“Ci aiutiamo tra di noi, come possiamo – dichiara un lavoratore a Stato Quotidiano – e andiamo in campagna per fare un po’ di verdura, per poter mangiare. Alcuni per orgoglio non accettano di servirsi dell’aiuto della Caritas: lo percepiscono come una perdita di dignità.”

Almeno la metà degli operatori edili sono disoccupati, da più di due anni, e costretti a ritornare nella città d’origine, a causa di fallimenti in sequenza delle grandi ditte del Nord. Troppo esperti, e qualificati per essere reimmessi nel mercato del lavoro degli stipendi a ribasso. Troppo grandi per rientrare all’interno del “range – mannaia” montiano del: “sotto i 34 anni sei dentro, a 36 ti arrangi, oppure – è l’auspicio di un altro operatore, di 41 anni – torni ad emigrare. Sempre ammesso, che si riesca a racimolare i soldi per un biglietto di sola andata.”

Hanno tra i 40, e i 50 anni, con oltre 20 anni di contributi alle spalle pagati all’INPS.  “Cosa ne sarà di questi contributi già versati?” Si domanda uno dei manifestanti presenti, oggi pomeriggio davanti al Palazzo comunale. Si è infatti concluso, stasera alle 19.30 il primo tavolo di concertazione tra l’Assessore alle attività produttive, Primiano Calvo, e i 4 maggiori sindacati: Cgil, Cisl, Ugl, e Uil.

Si sottolinea, che il tavolo permanente sulle problematiche del lavoro e dell’occupazione in seno all’Amministrazione è rappresentata, oltre che dall’assessore Calvo, anche dal consigliere Ciro Persiano, primo firmatario ed estensore dell’ODG in cui il consiglio comunale, su suo input ha istituito formalmente il tavolo.

Mentre “l’ Unione sindacale di base (USB) – commenta Michele Lunetta, uno dei coordinatori provinciali – verrà ricevuto domani, a partire dalle 17.00. La causa – spiega Lunetta – sarebbe imputabile al nostro presunto ritardo di comunicazione. Anche se pare abbiano dimenticato, che eravamo presenti, la scorsa settimana  sia alla protesta in Comune, sia in Prefettura davanti a S.E, Luisa Latella. Al contrario di quanto ‘non’ dimostrato da D’Augelli Licio Roberto, dal quale  – annuncia il coordinatore USB – molti di noi non si sentono più rappresentati, e si dissociano. E’ una persona che si diceva fondatore del ‘Movimento disoccupati edili’, e invece lo si è visto ritrattare tutto, e disertare ogni iniziativa concertata tra di noi. Non è stato presente né al Consiglio Comunale, né a Foggia dal Prefetto!”

Venti gelidi soffiano, dunque, tra le file degli stessi Sindacati. Alcuni di loro vengono accusati di aver strumentalizzato il disagio, diffondendo false informazioni. ” Non abbiamo mai pensato, che la Rigenerazione sarebbe stata la panacea di tutti i mali – replica Lunetta -e chi ha pensato questo, si vede, che ha fatto male i conti. Domani anche noi sapremo far valere le nostre ragioni, fino ad arrivare ad aprire un confronto democratico con tutta la cittadinanza.”

Intanto, al netto delle rimostranze, la proposta condivisa nei giorni scorsi sulla possibile formazione di una Cooperativa di tipo B, si è risolta con un nulla de facto. “La proposta – spiega Giuseppe Primavera (USB) – doveva metterci nelle condizioni di partecipare noi stessi come coordinamento alla ricerca del lavoro, o all’ottenimento di borse di lavoro. Ma mancano, purtroppo, i fondi destinati ai servizi sociali.”

Se da un lato serpeggiano ripicche, sgambetti, e prese di posizione irreversibili, dall’altro il Sindaco conferma il prossimo appuntamento con le imprese appaltatrici, non prima però della conclusione dei lavori con tutti i Sindacati.

“L’obiettivo – afferma Gianfranco Savino – è richiedere l’integrazione degli operai del nostro territorio attraverso la stipula di un protocollo d’intesa condiviso tra ‘tutte’ le ditte operanti nel settore costruzioni: non solo quelle impegnate nella Rigenerazione urbana. E purtroppo – conclude Savino – non dipendono dall’AC certe decisioni prese dai vincitori degli appalti.”

(a cura di Ines Macchiarola inesmacchiarola1977@gmail.com)

Edilizia, San Severo allo stremo, Lunetta: appalto taglia posti ultima modifica: 2013-06-17T19:52:41+00:00 da Ines Macchiarola



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • d'augelli

    sign.michele lunetta lei non sipermetta di giudicare le persone se non sa chisono io neanche la conosco poi spiega alle persone che vi seguino che non vianno fatto entrare per il casino che avete fatto al consiglio comunale dite la verita alle persone che poi io non devo dimostrare niente a nessuno e neanche violenza ne casinista come ho visto dei filmati nel comune agridare in faccia al sindaco consiglieri e assessori ladri io non miribbasso a tutto questo perche fino adesso non ho mai chiesto niente a nessuno e poi io non lio legati ame possono fare quello che vogliono poi basta capire che io ho avuto liniziativa in vece in lei stavate in cattalesso come gliorsi come le altre persone non movimento disoccupati adile per me comitato di lotta disoccupati ma per tutte le categorie disocupati.


  • Ines

    Gentile Signor d’Augelli, ringrazio per la replica. Tuttavia resto a disposizione per darLe spazio, anche domani per dichiarazioni più complete.

    Il mio indirizzo email, al quale poter scrivere i suoi riferimenti di contatto, lo trova scritto in calce alla fine dell’articolo. Attendo info, per poterla contattare.

    Cordiali saluti

    I.M:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This