Manfredonia

Lavori C.so Manfredi, lettore: anche lastroni richiamanti pietra lavica, quanto dureranno?


Di:

“Spett.le Redazione di STATO QUOTIDIANO,
Sono un lettore dei blog locali e spesso intervengo nei dibattiti che ne conseguono”.

“Attento alla Cronaca locale e a quanto avviene,quotidianamente,di bello e di brutto, nella nostra città. Perché vi scrivo? Dopo le festività pasquali sono ripresi, su due fronti, i lavori di risistemazione di Corso Manfredi. Al di là delle lungaggini dei lavori che, in altre città, vengono portati a termine in tempi più brevi, nelle arterie principali ho notato quanto segue: mentre per tutto il Corso e fino alla Chiesa della Stella Maris, per la parte centrale sarà utilizzato il basolato in pietra lavica,già esistente, per il tratto del Corso compreso tra Via Stella e Via dell’Arcangelo dovrebbero essere utilizzati lastroni che, solo nel colore, richiamano la pietra lavica.

Fin qui, nulla da eccepire, solo che chi ha progettato i lavori ed in minima parte, la ditta esecutrice, sono a conoscenza della durata e consistenza dei suddetti lastroni? Da quanto visto in altre città,la durata e quindi la consistenza di tali lastroni, come suol dirsi, è e sarà da Natale a Santo Stefano a meno che non sarà riservato a pedoni ultraleggeri e soprattutto con divieto rigoroso dei mezzi a quattro ruote.

Il che significa anche che gli esercizi commerciali,non potranno,in ogni caso essere riforniti di prodotti destinati alla vendita. A meno che,altra sciagurata ipotesi,in tale tratto, qualche Azienda non prenderà l’appalto della manutenzione continua con ipotetico sperpero di denaro pubblico chein un periodo di magra e crisi,come quello attuale,credo non debba accadere. In attesa di chiarimenti dai responsabili, in primis dal progettista e dall’Ufficio tecnico, ringrazio e cordialmente saluto”.

A cura di un lettore di Manfredonia

FOCUS LAVORI CORSO MANFREDI . IL PROGETTO: realizzazione di un secondo lotto funzionale relativo al recupero ambientale e restauro pavimentale di corso Manfredi, nel tratto di strada compreso tra via Arcivescovado e la Villa Comunale, per un importo complessivo di €. 2.700.000,00.
ALL’A.T.I. Consorzio Cooperative Costruzioni CCC Soc. Coop – De Marco s.r.l con sede a Bologna l’affidamento dei lavori di recupero ambientale e restauro pavimentale di Corso Manfredi. 2° lotto funzionale, con aggiudicazione – tramite procedura aperta – dell’01.02.2013, con criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa ex art. 83 del D.Lgs. n. 163/2006.


7 le offerte ricevute come quelle ammesse. Valore dell’offerta: ribasso del 15,51% sull’importo a base d’asta di € 1.879.209,24 e, quindi per l’importo netto di € 1.587.743,89 oltre € 75.098,24 per oneri per la sicurezza, non soggetti a ribasso d’asta ed I.V.A. Termine esecuzione dei lavori: giorni 365; Direttori dei lavori: Arch. Vincenzo De Rienzo, studio Akron; Responsabile del Procedimento: Ing. Giuseppe Di Tullo.


FOTOGALLERY (archivio fine aprile 2013)



Redazione Stato@riproduzioneriservata

Lavori C.so Manfredi, lettore: anche lastroni richiamanti pietra lavica, quanto dureranno? ultima modifica: 2013-06-17T10:16:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
7

Commenti

  • A parte questo aspetto tecnico,volevo chiedere chi ha deciso di far riprendere i lavori a cavallo del periodo estivo???è indescrivibile una cosa simile!per passeggiare bisogna munirsi di scarpe antiinfortunio! e poi sembra di stare su una pista da scii,per i numerosi slalom!!!davvero grandiosi!!!!complimenti!!!


  • mary

    Concordo con clown e aggiungo: con questo caldo una puzza di fogna insopportabile!!!!


  • libe

    la ragione del periodo in cui fare i lavori è stata già spiegata…periodo migliore con tempi minori e prezzo minore


  • Rosa scarlatta

    Invee qualuno potrebbe spiegare come mai si sono iniziati i lavori da due parti differenti e non solo da na parte?


  • Marcello

    ma tutti che dicono la loro su tutto ? uno non gli va bene che i lavori vengono fatti in questo periodo, ad un altro che i fanno due tratti insieme e quello così e quello colà… mamma mia che città. In alcune città a noi vicine un cantiere in città non si vede manco con il binocolo. Secondo i geni che scrivono i lavori possono essere fatti in inverno quando piove e all’aperto nn si può lavorare ??? e quanto sperpero di denaro. Poi non è meglio fare due tratti per essere più veloci ? sopportare qualche disagio x un po di tempo non è un dramma. Il corso con la bacchetta magica non si poteva fare… e basta a lamentarvi…

  • caro marcello a mio parere esiste la primavera e l’autunno!!poi in altre città i lavori si fanno anche la notte!!!creando così due squadre lavorative!!incrementando di più posti di occupazione!!!ma questa è tutta un altra storia!!!e poi è giusto che ognuno esprima la propria opinione!!!grazie


  • giusy

    A parte l’aspetto tecnico……di grossa rilevanza ed a cui nessuno,fino ad ora ,a dato una risposta o si è degnato di rispondere,faccio presente quanto segue:a lavori ultimati,chi si è visto si è visto!E poichè siamo in una nazione dove ——-,poi,con il tratto di Corso in questione,come la mettiamo?Perchè nessuno risponde?Forse,sono stati presi —–come suol dirsi e non sanno che pesci(risposte)prendere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This