CapitanataStato news

Apricena, Lacci: Tasse, sconti per costruttori non per i cittadini


Di:

Apricena – “CHE il Comune debba riparare ai mancati introiti da parte dello Stato ormai è un fatto noto, ma con questa certezza spendere denaro pubblico per uno stuolo di consulenti e collaboratori superflui è un comportamento delittuoso della rinnovata amministrazione Potenza”, così attaccano i consiglieri del Gruppo DemocraticaMente, che aggiungono: ”Infatti Potenza, piuttosto che razionalizzare la spesa fa in modo che questa cresca in modo esponenziale rispetto al passato, tanto poi a pagare saranno sempre quei cittadini il cui unico difetto è quello di non rappresentare nessun gruppo di interessi”.

“Come già fatto per gli usi civici quando, durante il consiglio comunale del 28 Luglio, l’Amministrazione Potenza ha concesso uno sconto del 50%, con un ammanco di circa 300 mila euro alle casse comunali, di cui 80 mila a beneficio dell’Assessore all’Urbanistica Paolo Dell’Erba, così nell’ultimo consiglio comunale la maggioranza sceglie di proteggere le fasce economicamente più forti e scaricare il tutto sulla parte in maggiore difficoltà della nostra comunità.

Infatti, nell’ultimo consiglio comunale del 10 settembre la stessa maggioranza ha approvato delle aliquote dell’imposta unica comunale (IUC) che tartassano i cittadini. L’aliquota TASI è stata portata al massimo possibile del 2,5 per mille, senza alcuno sconto per le fasce più disagiate (disoccupati e pensionati). La novità? I costruttori sono stati completamente esentati. Invitiamo i cittadini a fare un giro per il paese e verificare quali costruttori posseggono appartamenti invenduti. Oggi l’amministrazione, per coprire i rincari, cerca di vantare sconti inesistenti o scelte che non appartengono a questa consiliatura. Su tutte l’esenzione alle attività del centro storico, che era già presente nella passata Amministrazione di centrosinistra, anzi oggi viene esclusa una parte di questa zona.

Il tutto è stato deciso all’interno di un consiglio lampo, evitando una discussione seria, organica ed esaustiva sugli argomenti. Dal canto nostro abbiamo spiegato alla maggioranza che gli introiti necessari per ridurre la tassazione potevano e possono essere recuperati sul canone degli usi civici che l’Amministrazione non sta richiedendo, eliminando la spesa sulle consulenze ed attivandosi in Regione richiedendo la tassa sull’estrazione.

Le difficoltà finanziarie non si affrontano addossando la colpa ad altri, ma eliminando le spese superflue. Non pretendiamo che il Sindaco si comporti come Robin Hood, ma con queste decisioni verrà ricordato come il Superciuk dei giorni nostri.”

Redazione Stato

Apricena, Lacci: Tasse, sconti per costruttori non per i cittadini ultima modifica: 2014-09-17T22:27:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This