CulturaManfredonia
Alessandro Sanna agli studenti "provate, tentate e ritentate rialzandovi sempre"

Al Buck Festival Viaggio nel linguaggio dei segni

Esplosione di musica, segni, colori e tanta voglia di condividere che si concluderà il prossimo 18 ottobre 2015, dalle 17,30, al teatro "U. Giordano” di Foggia


Di:

Foggia. L’importanza del segno. Un segno per comunicare,informare,ricordare. Il segno per “mangiare e sputare” nella realtà le proprie emozioni, sensazioni, stati d’animo. L’appetito vien…disegnando. Mano felice: libri da custodire,conservare,colorare,“tassello dopo tassello”. Queste alcune delle idee svisceratesi lo scorso 11 ottobre 2015, a partire dalle ore 10,30, presso il Palazzetto dell’Arte di Foggia, durante la prima giornata del Buck FestivalEdizione 2015 che ha avuto quest’ anno come ospite d’ onore lo scrittore e illustratore Alessandro Sanna autore del libro illustrato dal titolo: “Mano felice, edito da Panini”. Questi accompagnato dal sottofondo musicale di Leo Marcantonio e con la sua “lavagna magica” composta da un semplice tablet, ha incantato e docenti e dirigenti di scuola primaria e secondaria ma soprattutto i tanti bambini delle scuole elementari e medie, accorsi numerosi per l’occasione, accompagnati dai loro genitori e insegnanti. Presente il Presidente della Fondazione Banca del Monte di Foggia e docente presso l’ Università degli Studi dello stesso Capoluogo Dauno, il professor Saverio Russo. Fondazione che ha cofinanziato l’iniziativa realizzato col Patrocinio del’ Amministrazione Comunale di Foggia.

Il Presidente ha ribadito l’importanza di portare la cultura “fuori dai palazzi”, nelle piazze, nelle scuole, nei luoghi di aggregazione sociale, facendosì che la cultura non sia per élite ma sia fatta dalla gente e per la gente e diventi punto di partenza e non di arrivo. Il tutto, “non piangendosi addosso” ma “rimboccandosi le maniche” grazie alla dedizione e alla tanta voglia di mettersi in gioco dello Staff composto da quasi cento volontari, tra cui docenti di scuola primaria e secondaria, magistralmente guidati dalla dott.ssa Milena Tancredi, Responsabile Biblioteca Ragazzi presso la Biblioteca Provinciale “La Magna Capitana di Foggia” e dalla dottoressa Rossella Caso, Dottore di Ricerca in Scienze Pedagogiche Laboratorio di Studi e Ricerche per l’Infanzia-Dipartimento di Studi Umanistici Università degli Studi di Foggia e da “rete Penelope” i cui progetti formativi e educativi è possibile visionarli su http://www.retepenelope.it/. La “vera anima” del Festival, ha rinfrancato più volte la dott.ssa Milena Tancredi, Responsabile Biblioteca ragazzi presso Biblioteca Provinciale “La Magna Capitana” di Foggia. Ragazzi e ragazze che, mettendo a disposizione parte del loro tempo libero, lavorano alacremente, facendo da backstage all’ intera Manifestazione Letteraria.

Impegno volontario a cadenza mensile che continua anche e soprattutto dopo la kermesse Letteraria, mettendo sù già per le prossime edizioni, nuovi Progetti Educativi. Festival che si chiuderà il 18 ottobre 2015 p.v., a partire dalle ore 17,30, al Teatro “U. Giordano” di Foggia con concerto musicale curato dalla Fondazione Musicalia della Fondazione Banca del Monte Siniscalco Ceci di Foggia. Filo conduttore: lavorare “in rete”, “fare squadra”, “far entrare” la voglia di leggere, sfogliare e assaporare un libro, non solo tra i banchi di scuola ma soprattutto in famiglia, descolarizzando la lettura. Destinatari dei laboratori e incontri con gli autori: studenti delle scuole elementari e medie di Foggia e provincia e non solo. Manifestazione Letteraria che si è sviscerata tra laboratori, workshop e incontri con autori. Filo conduttore: leggere aiuta a rendere la vita meno amara e a guardare il tutto “sotto un’ottica diversa”. Idee ribadite anche dalla dott.ssa Milena Tancredi, Responsabile Biblioteca ragazzi presso Biblioteca Provinciale “La Magna Capitana” di Foggia che ha ringraziato i tanti sponsor e le tante associazioni presenti sul Territorio che hanno dato e stanno dando una mano per la buona riuscita della Manifestazione. Mission ancora una volta “dell’imponente e a tratti “accattivante” Iniziativa: agire sulla dispersione scolastica, in particolar modo nelle periferie, facendosì che le biblioteche non siano un surplus ma un momento per trovarsi e ritrovarsi…in compagnia di un buon libro.

(A cura di Marco Bonnì, Foggia 17 ottobre 2015)

Al Buck Festival Viaggio nel linguaggio dei segni ultima modifica: 2015-10-17T10:35:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This