Edizione n° 5369

BALLON D'ESSAI

TV // “Diario di un maestro” e Mamma Rai
16 Giugno 2024 - ore  13:57

CALEMBOUR

LAVORO // Randagismo a Manfredonia. “Ritardi e disinteresse. Una piaga sociale da affrontare con urgenza”
16 Giugno 2024 - ore  11:49

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Lo Splendore dei Grifoni di Ascoli Satriano su Google Arts & Culture

AUTORE:
Geppe Inserra
PUBBLICATO IL:
17 Ottobre 2022
Cultura // Foggia //

Ascoli Satriano (Fg), 17 ottobre 2022, (letteremeridiane) – Quando i grifoni policromi di Ascoli Satriano vennero portati a Milano per essere esposti all’Expo, qualcuno arricciò il naso, temendo danni durante il trasporto o, peggio ancora, che il preziosissimo trapezophoros (termine greco che ne indica l’antico uso, quale sostegno di mensa) potesse non tornare più in terra dauna. Non è successo niente di questo, anzi… Non solo i grifoni sono tornati, ma proprio grazie alla trasferta milanese, fanno oggi bella mostra di sé in Google Arts & Culture, il più grande museo virtuale del mondo, che espone fotografie in altissima risoluzione di opere d’arte collocate in ben 15.000 musei.

Ph. Letteremeridiane

La fotografia scattata ai Grifoni durante il loro soggiorno milanese è veramente straordinaria, perché dà conto (assai di più della versione precedente) della ricchezza cromatica della scultura, dipinta dalle mani di ignoti ma abilissimi artigiani, probabilmente greci.

 

Trafugata dai tombaroli, la scultura è stata esposta per anni al J.P. Getty Museum di Malibu. Quando i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale ne accertarono la provenienza furtiva, il museo californiano è stato costretto a restituirli all’Italia, e da allora sono esposti ad Ascoli Satriano.

 

L’immagine di Google Arts & Culture è corredata da una dettagliata scheda di Luigi La Rocca, Soprintendente per i beni archeologici della Puglia, che definisce «straordinaria» la scultura, descrivendola così: «alta 95 cm e lunga 148 cm, è costituita da una coppia di grifi, animali fantastici con il corpo di leone e la testa di drago rappresentati con fine realismo mentre azzannano un cerbiatto ormai disteso al suolo.»

 

Il restauro eseguito dal Laboratorio della Soprintendenza Archeologica di Roma dopo il ritorno in Italia ha permesso di accertare che i marmi provengono dalle cave dell’isola di Paros nelle Cicladi. Non è stato invece possibile appurare con certezza la destinazione, la collocazione originaria e la funzione dei preziosi manufatti, probabilmente acquistati da una committenza di alto rango.

 

Accanto alla ipotesi che siano parte di un corredo funerario, si è recentemente fatta strada quella che si tratti di bottino di guerra, «memoria forse tesaurizzata o consacrata in un santuario – scrive il Soprintendente La Rocca – , del saccheggio degli accampamenti di Pirro perpetrato da Arpani e Ascolani, alleati dei Romani, nel corso della famosa battaglia di Ausculum del 279 a.C.»

Ph. Letteremeridiane

Per ammirare i Grifoni nella spettacolare versione offerta da Google Arts & Culture andare alla pagina web indicata al termine dell’articolo, e usare la lente d’ingrandimento per ingrandirla. Si può raggiungere un livello di dettaglio che permette di ammirarne tutti i particolari, perfino meglio che nel museo vero e proprio, come documenta il particolare dell’immagine che potete vedere qui sotto. (Letteremeridiane)

 

I Grifoni su Google Arts & Culture –> https://artsandculture.google.com/asset/sostegno-di-mensa-trapezophoros-con-due-grifi-che-sbranano-una-cerva-opere-anonimo/bAG4VyP3xPAG5Q

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.