Edizione n° 5402

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

E la Puglia ha Lopalco: “COVID? Non andrà più via. Le scuole? Le avrei chiuse”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
17 Novembre 2020
Bari // Barletta //

Roma, 17 novembre 2020. Se il precedente lockdown fosse stato prolungato fino all’estate la seconda ondata sarebbe saltata? “No, ci sarebbe stata comunque una seconda ondata. Questo virus continua a circolare in maniera completamente nascosta, ormai è un virus è endemico, non si sarebbe eliminato”. Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, l’assessore alla Sanità pugliese ed epidemiologo Pierluigi Lo Palco, che oggi è intervenuto alla trasmissione condotta da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Secondo lei quindi il virus non andrà più via? “No, non andrà più via”.

Quindi solo il vaccino potrà cambiare le nostre vite. “Il vaccino potrà cambiare il nostro modo di vivere, mettendo in sicurezza le persone più fragili potremo vivere più tranquillamente. E poi quando arriveranno una terza o una quarta ondata saranno sempre più lievi”. Quante ondate ci attendono ancora? “Non voglio spaventare nessuno, ma l’influenza, per dire, fa un’ondata all’anno. Probabilmente sarà così anche per il coronavirus – ha spiegato Lo Palco a Un Giorno da Pecora – diventerà una malattia stagionale autunno-invernale”. Cosa ne pensa dei test rapidi proposti dal governatore del Veneto Luca Zaia? “Vediamo come funzionano, se sono buoni possono essere una bella svolta, per carità”.  

NATALE? ORA BISOGNA DIRE ALLA GENTE DI STARE BUONI CASA . Se la Puglia deve rimanere arancione o diventare rossa? “Se ci atteniamo ai 21 indicatori, noi siamo arancioni, c’è poco da fare, i dati sono quelli. Inoltre stiamo facendo uno sforzo per ripulire i dati affinché siano più chiari e trasparenti possibili”. Così a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, l’assessore alla Sanità pugliese ed epidemiologo Pierluigi Lo Palco, che oggi è intervenuto alla trasmissione condotta da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. “Come assessore alla Sanità mi faccio portavoce di questo settore: gli operatori sono stanchi, stressati, stanno lavorando da tanto tempo sotto stress. Quindi qualunque iniziativa che possa allentare la morsa sugli ospedali e sul sistema territoriale è benvenuta”. Com’è l’RT della sua regione? “Ora siamo al di sotto dell’1,5, mi pare a 1,44”. Un RT medio alto.

“E’ un RT da zona arancione, l’RT della Puglia è comunque stabile”. Secondo alcuni viste le difficoltà di tracciamento l’RT potrebbe non esser proprio un dato chiaro. “Potrebbe anche esser vero: se il tracciamento non funziona, nel momento in cui si arriva alla saturazione del sistema, non si fanno più tamponi e quindi l’RT si blocca. Per fare un esempio: in una stagione influenzale che il picco influenzale si manifesta con RT di 1,2. Noi siamo all’1,4 con una malattia che provoca polmonite”. Lei ha detto di esser un po’ sconcertato dall’ottimismo che, a volte, sembra si respiri in questo periodo.

“Mi metto nei panni di chi lavora nelle terapie intensive e di chi è in prima linea: parlare di come si passerà il Natale mi sembra eccessivo, mi fa specie. Bisognerebbe concentrarci ora e dire alla gente: state buoni a casa adesso così magari tra 14 giorni negli ospedali si potrà iniziare a respirare”. Secondo lei sarebbe il caso di far diventare zona rossa la Puglia? “Il sistema regge per ora e gli indicato ci danno questi numeri. Tenete presente che ogni decisione poi va presa di concerto col governo”. Quindi lei ora si sente tranquillo a stare in zona arancione, e non sarebbe più sereno in una zona rossa. “Diciamo che è una discussione in atto, si tratta di valutazioni da fare”. Tra chi? “Gli attori in questo campo sono tanti, ci sono le associazioni, le categorie. Gli interessi tantissimi, e tutti sono parimenti importanti. Vogliamo parlare dell’interesse di scuola, sanità etc.?” Com’è la situazione delle scuole in Puglia? “Tanto per capirci, fosse stato per me le scuole non le avrei aperte”. Già a settembre? “Esatto”. E’ stato un errore aprirle? “Non parlo di errori – ha detto il medico a Rai Radio1 – questa è una mia personale opinione. Io avrei tenuto chiuso le scuole un altro po’ e magari le avrei tenuto aperte a luglio e agosto”.

1 commenti su "E la Puglia ha Lopalco: “COVID? Non andrà più via. Le scuole? Le avrei chiuse”"

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.