Edizione n° 5312
/ Edizione n° 5312

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

BUFALA Il Nilo non si è tinto di rosso: il video virale mostra la “Laguna Roja” in Cile

Un video virale che sembrava mostrare il fiume Nilo rosso ha suscitato grande interesse e teorie fantasiose

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
17 Novembre 2023
Cronaca // Scienza //

BARI – L’entusiasmo e la curiosità si sono impennati a seguito della diffusione di un video che ha rapidamente catturato l’attenzione globale. Il video, divenuto virale, sembrava mostrare le acque del fiume Nilo tinte di un vivido rosso, scatenando così un’ondata di teorie e congetture.

Queste speculazioni hanno stimolato l’immaginazione popolare, evocando antiche profezie e miti. Tuttavia, è importante notare che, nonostante eventi simili siano realmente accaduti in passato, il video in questione non ritrae il Nilo, ma la Laguna Roja, una famosa attrazione turistica del Cile, nota per le sue acque naturalmente rosse. Questo chiarimento ci ricorda l’importanza di verificare le fonti e le informazioni prima di trarre conclusioni, specialmente in un’era dove le immagini possono essere facilmente fraintese o fuorvianti. L’assenza di immagini o comunicati sul sito ufficiale dell’Agenzia Spaziale Europea, citata da tanti in queste ore, potevano essere il primo indizio.

La Laguna Roja è un fenomeno naturale sorprendente e misterioso situato nel nord del Cile, nella regione di Arica y Parinacota, a circa 196 km dalla città di Iquique. Questa laguna è nota per le sue acque di un colore rosso intenso, una caratteristica che ha affascinato la cultura locale e attirato visitatori interessati a scoprire i suoi segreti. La sua posizione remota nelle alte terre dell’altopiano cileno contribuisce all’aura di mistero che la circonda.

L’origine del colore rosso del lago è oggetto di varie leggende e spiegazioni scientifiche. Alcuni abitanti locali chiamano questa laguna “Mar Rojo” (Mare Rosso) a causa delle sue acque dolci con temperature elevate, tra i 40 e i 50 gradi Celsius, che scoraggiano la presenza di animali acquatici come delfini, tartarughe e balene. Questa caratteristica unica ha ispirato miti e leggende nella regione. La laguna è una delle tre “Lagunas de Amuyo”, che includono anche le lagune gialla e verde situate nelle vicinanze.

Il fascino della Laguna Roja va oltre il suo aspetto visivo. È un luogo protetto dalla civiltà Aymara, una popolazione indigena che lo ha custodito gelosamente, tanto da mantenerlo quasi sconosciuto al resto del mondo fino al 2009. La sua posizione, a 3700 metri di altitudine tra le montagne delle Ande, aggiunge un altro livello di isolamento e mistero.

Nel 2016 il Nilo era veramente diventato rosso

nilo rosso
Immagine satellitare del Sentinel-3 nel 2016. Credits: ESA

Come accennato, un fenomeno curioso ha attirato l’attenzione globale, molto discusso anche sui social: il Nilo, il fiume più lungo del mondo, avrebbe assunto un’insolita colorazione rosso rubino. Abbiamo già visto come il video in questione non mostri affatto del Nilo. Tuttavia, questo avvenimento è stato documentato in passato, in particolare dall’ESA nel 2016, e molti stanno utilizzando in queste ore le immagini provenienti dai satelliti di quell’anno.

Dal punto di vista scientifico, la spiegazione del fenomeno del Nilo rosso è abbastanza semplice. Il cambio di colore delle acque del Nilo, avvenuto in passato, è stato attribuito a una massiccia fioritura di alghe. Queste alghe producono pigmenti rossi, che sono la causa principale della tonalità insolita assunta dal fiume.

Questo evento naturale è causato da fenomeni di eutrofizzazione. Questo processo può essere sia di origine naturale, dovuto a variazioni nelle correnti e nella temperatura dell’acqua che influenzano la luminosità e provocano una pigmentazione rossastra nelle alghe, sia antropico, ovvero causato dall’attività umana. Quest’ultimo include l’impatto di fosforo, azoto, fitofarmaci, concimi, pesticidi derivanti dal settore agricolo, così come sostanze tossiche provenienti da scarichi urbani e industriali. Contrariamente alle interpretazioni mitiche o religiose, la colorazione rossa del Nilo è un fenomeno puramente scientifico, non collegato a profezie o eventi sovrannaturali.

 

Reazioni popolari e interpretazioni al video sul presunto Nilo rosso

nilo rosso
La Laguna Roja. Credits: @alisson_roco via Chile.travel

Le false immagini del Nilo rosso hanno catturato l’attenzione su vari canali social, divenendo virali e generando un’ampia gamma di reazioni e teorie. Alcuni hanno associato questo evento alle profezie bibliche, in particolare alla prima delle dieci piaghe d’Egitto dove l’acqua del Nilo si trasformava in sangue.

 

Nella prima piaga d’Egitto, descritta nel libro dell’Esodo, si narra di un Dio che, tramite Mosè e Aronne, chiede al faraone la liberazione degli ebrei. Alla sua negazione, Dio scatena le dieci piaghe, tra cui la trasformazione delle acque del Nilo in sangue. Questa associazione tra il fenomeno e antiche narrazioni bibliche ha stimolato discussioni e interpretazioni che mescolano il sacro e il profano.

Implicazioni e riflessioni

Nell’era digitale, dove l’accesso alle informazioni è immediato e diffuso, l’importanza di verificare i fatti prima di condividerli o accettarli come veritieri è diventata fondamentale. La diffusione di notizie senza un’adeguata verifica può portare a disinformazione, creando una catena di malintesi e falsità che possono influenzare negativamente l’opinione pubblica e le decisioni individuali. È essenziale esercitare uno spirito critico e ricercare fonti autorevoli, soprattutto di fronte a notizie sensazionalistiche o apparentemente straordinarie, per garantire che le informazioni condivise siano accurate e affidabili. In questo modo, possiamo contribuire a un ambiente informativo più sano e responsabile.

 

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.