Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

POLITICA Patto di stabilità, Conte: “I finti patrioti di Meloni e Salvini si sono piegati in Europa”

"Cinquestelle unica forza politica italiana a votare per fermare un provvedimento all’insegna dell’austerità"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
18 Gennaio 2024
Foggia // Politica //

FOGGIA – “Ruggiscono in campagna elettorale, ma chinano la testa quando sono a Bruxelles. I finti patrioti di Meloni e Salvini si sono clamorosamente piegati in Europa, ancora una volta”. Lo scrive sui social il leader M5s Giuseppe Conte.

Al Parlamento europeo, aggiunge, “ieri il MoVimento 5 Stelle è stata l’unica forza politica italiana a votare per fermare un Patto di stabilità all’insegna dell’austerità, che è un cappio al collo per l’Italia con miliardi di nuovi tagli e nuove tasse per tutti gli anni a venire.

Il fatto che altre forze politiche non si siano opposte lascia senza parole.

Poco conta che il Parlamento europeo abbia chiesto solo qualche timido miglioramento dell’accordo a cui ha già detto sì il Governo Meloni, perché l’impostazione è la stessa e il menù per l’Italia è sempre il solito: austerità, tagli e strozzatura della crescita.

Era l’occasione per dare tutti un forte segnale di contrarietà. Niente da fare. Siamo rimasti soli noi del M5S”.

“Quando in futuro l’Italia si ritroverà nuovamente in fondo a tutte le classifiche europee che misurano crescita economica e sviluppo sociale- dice ancora Conte- inizierà il giochino delle imprecazioni contro l’Europa dell’austerità.

Quando i nostri cittadini si troveranno a vivere sulla propria pelle manovre di bilancio lacrime e sangue inizierà nuovamente la pantomima nazionale contro i burocrati che sono a Bruxelles ciechi e ottusi.

Ma noi ci ricorderemo di queste scelte, di queste votazioni. Non è vero che a decidere è l’euro burocrazia.

Ha deciso la politica: prima con l’assenso del Governo Meloni e ieri con il voto degli europarlamentari.

Noi continueremo sempre a lottare per cambiare le cose, come quando a chi voleva imporci il Mes abbiamo risposto portando 209 miliardi in Italia”.

Fonti verificate: DIRE //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.