EventiManfredonia
"Tornare nella mia terra d’origine mi riempie sempre d’orgoglio"

Manfredonia. H.e.r.: profeta in patria (VIDEO INTERVISTA)


Di:

Manfredonia, 18 febbraio 2018. “Tornare nella mia terra d’origine mi riempie sempre d’orgoglio soprattutto quando il motivo di questo ritorno è rappresentato da un nuovo e valido progetto musicale prodotto da sipontini doc, Giovanni La Tosa in primis”. Queste le parole di Her l’artista in ascesa di origini manfredoniane che vanta collaborazioni con i grandi del panorama musicale nazionale (Dalla, De Sio e Battiato tra gli altri) e non solo; stasera (ieri per chi legge,ndr) si esibirà in Piazza Giovanni XXIII insieme al rapper Shade, Mario Get far Fargetta e Isa B in occasione della ‘Notte Colorata’, evento che conclude la 65^ edizione del Carnevale di Manfredonia.

La mia passione per la musica nasce già in tenera età, alle scuole elementari…passione che porto avanti e che vivo come veicolo per la ricerca di un equilibrio di vita e professionale”, dice Her; esperienza che è raccontata molto bene nel documentario dal titolo ‘Erma’, short film inserito all’interno dei nove episodi della webserie ‘Past Forward’ dallo scorso dicembre disponibile sul web e che è stato prodotto dall’Apulia Film Commission.

Una carriera eclettica ed in continua evoluzione quella della sipontina Her che confessa: “Mi piacerebbe ancora collaborare con Morrissey (ex voce degli Smiths) con cui ho registrato 4 brani di cui 2 presenti nel suo ultimo disco ‘Low in High school’. Cercavano un violinista bravo tecnicamente e capace di improvvisare, ma anche capace di emettere un suono passionale, all’inizio non mi avevano detto che avrei suonato per Morrissey, ma per il disco del chitarrista Jesse Tobias, con un passato nei Red Hot Chili Peppers e con Alain Morissette…poi ho scoperto che Tobias stava suonando per Morissey e a quel punto ho capito tutto.”

Ancora Her: “Mi definiscono violinista colta ma in realtà a me piace sperimentare come è successo nel singolo elettronico ‘Of all Things’ che fa parte della One More compilation e che oggi presenterò in esclusiva sul palco di Manfredonia assieme ad altri brani che fanno parte di progetti differenti.”

Nato a S. Giovanni Rotondo (FG) dopo il diploma in violino al Conservatorio di Benevento e in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Foggia, debutta nel 93 a teatro firmando le musiche per “La bottega del caffè” di C. Goldoni con Leopoldo Mastelloni e l’anno seguente per i “Dialoghi mancati” di A. Tabucchi con Roberto Herlitzka. Nel 95 collabora con Giovanni Albanese alle scenografie del film “Silenzio si nasce” di G. Veronesi con Sergio Castellitto e Paolo Rossi. Nel 96 interpreta il ruolo della “donna ideale” nel film “Cartoni animati” di Franco Citti, nel 98 collabora con il gruppo Restart alla colonna sonora del film Viol@ di D. Maiorca con Stefania Rocca e nel 99 partecipa alle musiche di Giuliano Taviani per il film “Fuori di me” di G. Zanasi. Intanto nel 97 entra stabilmente come violinista (e voce recitante) nella formazione Nidi D’Arac, gruppo dedito alla rivisitazione in chiave moderna della musica etnica salentina, con i quali incide i dischi “Minacarie” (mini cd) nel 98 e “Ronde Noe – Microchips sulla terra del rimorso” nel 99, entrambi per l’etichetta CNI, oltre a partecipare alla colonna sonora del film “Figli di Annibale” di David Ferrario e ad alcune compilation come “La notte del Dio che balla” (progetto diretto da Teresa De Sio nel 99) e “Fango” (progetto organizzato da Legambiente). Insieme ai Nidi D’Arac e Teresa De Sio partecipa ad importanti manifestazioni e rassegne musicali quali il Premio Tenco, “Il violino e la selce” a San Benedetto e il concerto del Primo Maggio a P.zza San Giovanni a Roma. Nel 2000 incide una sua personale versione di “Nessuno mi può giudicare” (il brano portato al successo da Caterina Caselli) nel disco ufficiale del “World Pride Roma 2000 (Hi Music) che segna il suo debutto discografico come solista.

A cura di Libera Maria Ciociola
Redazione StatoQuotidiano.it

fotogallery matteo nuzziello “Show” Carnevale

Manfredonia. H.e.r.: profeta in patria (VIDEO INTERVISTA) ultima modifica: 2018-02-18T10:08:32+00:00 da Libera Maria Ciociola



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • dino giordano

    Un’artista che di Manfredonia conserva uno spirito libero, anticonformista e ribelle.
    In quella piazza non mi sembrava al momento giusto, “la notte in bianco” altro che notte bianca.
    Invocava il “suo pubblico “a ballare ma il pubblico cercava altro per ballare non il suo violino scatenato.
    Pazienza e grazie lo stesso


  • Ciccio

    Forse ai BIMBIMINKIA in prima fila che aspettavo Shade, io ho sentito applausi. a dir la verità l’esibizione era magistrale musica elettronica raffinata e di qualità. Certo il contesto non era dei migliori in pezzo a tanti caproni ma non tutti siamo cosi. E’ la prima vola che vedo H.e.r in veste elettronica devo dire un’animale da palcoscenico I brani veramente potenti,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This