Edizione n° 5373

BALLON D'ESSAI

TURISMO // Erling Haaland al Gino Lisa, ha scelto il Gargano per le sue vacanze
20 Giugno 2024 - ore  14:42

CALEMBOUR

"GIU' LE MANI" // Manfredonia. “Giù le mani”, tutto sull’inchiesta. Avviso conclusione indagini per 10 (NOMI)
19 Giugno 2024 - ore  21:35

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Nella Bat lavanderia lancia bucato sospeso per chi non può pagare

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
18 Maggio 2023
BAT // Cronaca //

CANOSA (BAT) – “Siamo certi e possiamo dirlo con orgoglio: siamo i primi in Italia ad aver pensato al bucato sospeso”.

 

Lo dichiara Sabina Del Muro, presidente della cooperativa Grelsa che a Canosa di Puglia (Barletta-Andria-Trani), entro la fine del mese, inaugurerà una lavanderia speciale in cui potrà essere lasciata un’offerta che andrà a chi non può permettersi di pagare un lavaggio in lavatrici industriali e professionali. “Si tratta – spiega – della stessa filosofia alla base del caffè sospeso napoletano: c’è chi paga per una tazzina che sarà degustata da chi non ha monete per comprarla.

Ansa

Così sarà da noi: chi usufruirà del servizio lavanderia self service, potrà lasciare una donazione, un contributo economico discrezionale che creerà una specie di plafond dando la possibilità a chi non può, di usare comunque la lavanderia”.

 

Il progetto si chiama ‘Portami il mantello-nessuno escluso sulle orme di San Francesco di Assisi’, e prevede non solo il lavaggio di capi e indumenti ma anche stiraggio, asciugatura, piccole riparazioni sartoriali e ritiro e consegna domiciliare degli indumenti. “La cosa importante è avere un pensiero per chi non può lavare – per svariate ragioni – pantaloni, lenzuola, giacche, piumoni e intimo”, continua la presidente. La lavanderia si trova al civico 46 di via Oberdan, in pieno centro cittadino, dove ora i volontari sono a lavoro per organizzare gli spazi.

 

L’idea del bucato sospeso è nata “osservando la quotidianità”, sottolinea: “Come cooperativa abbiamo in gestione le docce comunali. In più occasioni ci siamo resi conto che chi veniva da noi, dopo essersi lavato e ripulito indossava gli stessi abiti sporchi con cui era arrivato: è stato doloroso vederli così. Molti non riescono a pagare le bollette e di conseguenza non usano lavatrici e acqua corrente”. “Abbiamo pensato che il bucato sospeso potesse essere un modo per aiutarli preservando la loro dignità: in tanti non chiedono ma hanno bisogno e noi dobbiamo essere pronti a tendere una mano”, conclude Del Muro. Lo riporta l’agenzia Ansa.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.