Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CRIMINALITA' Processo Ares: la Cassazione certifica la mafiosità dei clan di San Severo

Confermata la mafiosità dei gruppi Nardino e Testa-La Piccirella, dominanti nella città dei campanili per anni.

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
18 Maggio 2024
Cronaca // Foggia //

La Cassazione ha concluso il processo “Ares” contro i clan mafiosi di San Severo, confermando la mafiosità dei gruppi Nardino e Testa-La Piccirella, dominanti nella città dei campanili per anni.

Tra le condanne definitive spicca quella di Franco Nardino, detto “Kojak”, 61 anni, capo del clan Nardino, condannato a 18 anni di reclusione. Anche il fratello, Roberto Nardino, detto “Patapuff”, è stato condannato a 14 anni e otto mesi. Severino Testa, noto come “Il puffo”, ha ricevuto una condanna a 10 anni e 8 mesi, mentre il suo braccio destro, Carmine Delli Calici, è stato condannato a 11 anni.

Per gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato, che prevede uno sconto di un terzo della pena, le condanne complessive ammontano a oltre due secoli di carcere. Il processo “Ares”, dal nome del blitz condotto dalla Dda e dalla Polizia di Stato nel 2019, coinvolgeva una trentina di persone accusate di far parte della mafia di San Severo. Le accuse includevano associazione mafiosa, traffico di droga, racket, tentati omicidi e furti. Questo procedimento ha segnato la prima volta in cui è stata riconosciuta ufficialmente l’esistenza di un’associazione mafiosa a San Severo, con gruppi criminali ormai indipendenti dalla Società Foggiana.

Alcuni arrestati che hanno scelto il rito ordinario sono ancora in attesa di sentenza definitiva. Giuseppe La Piccirella, alias “Il professore”, è stato condannato a 30 anni dal Tribunale di Foggia in primo grado. La Piccirella è stato per trent’anni una figura di vertice della malavita sanseverese insieme a “Kojak” e al “Puffo”.

Le altre condanne: I ricorsi degli imputati sono stati in gran parte respinti o dichiarati inammissibili. I ricorsi di Luciano De Stasio, Lorenzo Di Lorenzo e Arnaldo Sardella sono stati annullati con rinvio solo relativamente alla pena in continuazione. La pena di Libero Ciociola è stata rideterminata senza rinvio.

Queste le pene inflitte in appello:

  • Vincenzo Pietro Nardino, detto “Enzo”, 6 anni e 6 mesi
  • Matteo Nazario Nardino, 6 anni e 6 mesi
  • Stefano Romano, 7 anni
  • Lucio Roncade, 6 anni e 10 mesi
  • Loredana Russi, 5 anni
  • Gennaro Tumolo, 7 anni
  • Arnaldo Sardella, detto “Cinese”, 8 anni e 8 mesi
  • Donato Luigi Colio, detto “Dino”, 1 anno e 4 mesi
  • Daniele De Cotiis, alias “Don Ciccio”, 5 anni e 4 mesi
  • Michele Luciano Parisi, detto “Coccett”, 8 mesi
  • Vincenzo Leonardo D’Onofrio, 2 anni
  • Giuseppe Vistola, alias “Fafum”, 6 anni
  • Giovanni Minischetti, alias “Gianni”, 8 anni
  • Antonio Florio, detto “Coniglio”, 10 anni
  • Pasquale Irmici, alias “Cipolla”, 5 anni

Altri condannati includono:

  • Vincenzo Astuti, 10 mesi e 20 giorni
  • Leonardo Augenti, 3 anni
  • Giacomo Baldassi, 4 anni
  • Oreste Belfonte, 6 anni
  • Carmine Bozzo, 4 anni
  • Vincenzo Bruno, 8 anni
  • Francesco Carolla, 4 anni
  • Libero Ciociola, detto “Il sindaco” o “Il nonno”, 9 anni e 4 mesi
  • Luciano Michele De Stasio, detto “Figliastro”, 14 anni e 2 mesi
  • Armando Dell’Oglio, alias “Dino”, 2 anni e 10 mesi
  • Luigi Di Gennaro, 3 anni
  • Lorenzo Di Lorenzo, 3 anni
  • Gennaro Immobile, 4 anni
  • Giuseppe Leo, 2 anni
  • Luigi Mario Mastromatteo, alias “Il milanese”, 7 anni

Lo riporta l’Immediato.net.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.