Manfredonia

Solage Manfredonia, sindacati: azienda sbaglia sugli esuberi


Di:

Foggia – LA FIOM di Foggia e la Rsu aziendale non condividono e denunciano le modalità con le quali la Solage srl, azienda in concordato preventivo, sta procedendo nella gestione degli esuberi. “L’azienda specializzata nella produzione e vendita di tavoli e sedie, con due stabilimenti, a Camerano (AN) e Manfredonia (FG), ha presentato un piano concordatario al tribunale di Ancona che prevede una ristrutturazione del gruppo, con possibilità di fitto di ramo d’azienda alla new-co B4 living costituita per permettere una sostanziale continuità aziendale”.

“I lavoratori di entrambi gli stabilimenti sono interessati dalla cigs, ma nel mese di giugno l’azienda ha aperto una procedura di mobilità” per Camerano (31 dipendenti sui 70 complessivi) dichiarando candidamente ‘di voler affrontare il delicato problema degli esuberi separatamente, passando a Manfredonia non prima di settembre‘.

“Questo modo di procedere, sicuramente comodo per la direzione aziendale, in realtà certifica la volontà di evitare qualsiasi forma di confronto leale, che trovi soluzioni alternative ai licenziamenti, e al contempo permette di pianificare e porre in essere strategie di produzione non immediatamente comprensibili che minano fortemente la capacità occupazionale dello stabilimento di Manfredonia”.

“Alla luce di tutto ciò di fatto si relega il sindacato al ruolo di semplice certificatore delle scelte aziendali, che prende visione dei numeri e dovrebbe trarre conseguenti conclusioni. Per questo la FIOM CGIL di Foggia insieme alla RSU ritiene inaccettabile il comportamento delle direzione aziendale e chiede un tavolo congiunto con le organizzazioni sindacali di Ancona. Agli imprenditori non chiediamo solo il rispetto del sindacato e delle sue prerogative ma anche il rispetto della comunità in cui operano”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Solage Manfredonia, sindacati: azienda sbaglia sugli esuberi ultima modifica: 2014-07-18T16:08:37+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This